Marco Salogni: 3 print & play al Kickstarter

Abbiamo perso di poco l’opportunità di conoscere Marco Salogni a Play 2022.
Peccato perché il suo Black Bones ci ha fatto compagnia durante il lockdown e divenne “il pegno” da regalare a una volpina giocosa, dopo l’allentamento del distanziamento a sociale.
Lo abbiamo rivisto in altri giochi e probabilmente molto di voi hanno fra le mani la Blue Collection che Little Rocket Games sta consegnando in questi giorni.
Bene, oggi siamo qui per parlare del suo prossimo Kickstarter.
(Qui vi potete registrare per una notifica).

Tempo di lettura 3 minuti

Non è il primo, come si può notare nell’anteprima della pagina Kickstarter.
Marco Salogni gestiva fino a poco tempo fa un Patreon.
Un Patreon onesto, di contenuto.
Con un abbonamento dal basso costo offriva periodicamente un giochino.
Già perché Marco è, o può essere, in one man band. Può infatti occuparsi sia del design del gioco che della veste grafica.
Così accade ad esempio in questi 3 giochi del Kickstarter in uscita a breve.

Black Bones: il primo gioco di Marco Salogni che abbiamo giocato

Tre Kickstarter one shot…o quasi

I 3 giochi che Marco ci propone in questo crowdfunding hanno alcuni elementi in comune.
Prima mettiamo le mani avanti: abbiamo giocato a una versione intermedia che potrebbe differire da quella troverete su Kickstarter.

“Pledgia”, stampa, gioca

Tutti i giochi sono print & play.
Lo avevamo detto. Per i meno informati significa che col proprio pledge avrete diritto a un PDF da stampare.
La stampante la mettete voi, ma il gioco è a casa subito.
Aggiungete poi la necessità di un normale dado a 6 facce e una matita.
Sì, sono roll & write.

Tre labirinti con incontri non sempre simpatici

Nei tre giochi è prevista una meccanica comune.
Il personaggio che andrete interpretando dovrà muoversi in un labirinto, che possono essere i corridoi di un castello o di un’astronave.
Nei vari incroci si possono trovare delle sfide, di diversa natura, che ostacoleranno l’obiettivo di turno se non vengono superate.
Ok, siamo decisamente troppo sibillini. Andiamo più nel concreto.

The 4 Towers: un’avventura fronte-retro

Trovata geniale: il foglio deve essere stampato fronte-retro. È come se il fronte fosse “il ballatoio” e il retro il contenuto.
Qui servono 3 dadi a 6 facce, ma non dovrebbe essere un problema trovarli.
Ambientazione delle più classiche: sconfiggere tutti i nemici e salvare la principessa.
Lungo il percorso sono sparsi oggetti bonus sempre utili.
Ma anche molte insidie…

Green Thumb: piantare alberi in un labirinto

Un gioco ambientato nella natura fra dispettosi animaletti antropomorfi e alberi da piantare.
Lo scopo del gioco è correre per il labirinto e giunti in opportune “piazze” piantare gli alberi.
Negli incroci ci sono queste rognose bestiole, come la talpa e il serpente, da battere con un dado.
Loro puntano a rallentare e non conseguire il vostro obiettivo di giardinaggio nel tempo messo a disposizione dal gioco.
In un angolo infatti c’è una torta a spicchi dove ogni volta si ha un contrattempo si annerisce una fetta.

Space Escape: abbandonare l’astronave

Sarà il tema sci-fi, ma dei tre titoli al momento è il gioco abbiamo preferito.
Astronave alla deriva. Poco ossigeno. Rischio di soffocare.
L’obiettivo queta volta è raggiungere la navetta di salvataggio prima finisca l’aria. Qui la trovata sta nel fatto che la scialuppa spaziale cambia di punto si attracco.
Per inciso è un token di carta da ritagliare dalla stessa pagina del print & play.
Magari vi state dirigendo in punto, un molo, attraverso il dedalo di corridoi, quando la navetta di salvataggio si sposta in un altro molo.

Conclusione

Marco Salogni ci offre tre giochi print & play (sopra la definizione e come si svolge la campagna) da giocare in modalità solitaria.
Tre ambientazioni diverse: fantasy, sci -fi e bucolica.
Escluso il gioco di liberazione della principessa, che è fronte-retro, sono tutti fogli singoli che necessitano poco o nulle capacità di art attack per giocare.
Una meccanica, quella del puzzle labirinto che le unisce.
Tutti i giochi sono giocabili una volta sola, come le escape room o i giochi investigativi.
A dire il vero, dal momento che ci sono alcuni eventi casuali, come la navetta che si sposta o i “combattimenti” con gli animaletti, riuscirete a fare più di una partita.
Ad ogni modo ci dicono il prezzo terrà conto di quest’aspetto.

Sempre una novità

Abbiamo provato diversi giochi di Marco Salogni.
Non tutti, e ce ne rammarichiamo, ve li abbiamo presentati.
Quello che notiamo è la volontà di sperimentare. Ogni suo print & play, con la sua grafica curata, a un elemento originale.
Nel gioco fantasy, oltre al fronte-retro, c’è anche una sorta di scheda personaggio, come nei migliori dungeon crawler.
L’idea della navetta che si sposta, che ricorda un po’ Mr. Jack a New York, non pensavamo di trovarla in un gioco survival.
Non resta quindi che aspettare l’inizio della campagna.
Ve lo ricorderemo noi, ma potete anche cliccare alla pagina per il promemoria.

Qui di seguito vi proponiamo una lista di giochi che possono piacerti se hai gradito l’articolo.
Acquistandoli dal nostro partner Get Your Fun attraverso questi link non ti costa nulla, anzi, e aiuterai a sostenere Volpe Giocosa:

10 Giugno 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code