Blue Collection: finalmente ci siamo

E’ da qualche mese che ci sentiamo con Little Rocket Games per la Blue Collection.
Abbiamo anche scambiato quattro chiacchiere con Marco Salogni e Zemilio, due dei protagonisti di questo tris di giochi
Sì perché la Blue Collection è (ma va?) una collezione di giochi.
E adesso è su Kickstarter.

Tempo di lettura 3 minuti

La Blue Collection è un set di tre giochi che abbiamo visto ad uno ad uno in Volpe Giocosa.
La grafica richiama i vecchi cabinati che riempivano le sale giochi 20-30 anni fa.
La versione che abbiamo giocato era quella del print & play, ma con un regolamento prossimo a quello che troverete nel Kickstarter.
Sono tre giochi secondo noi che si basano sulla creatività dell’autore.
E’ un’affermazione abbastanza banale, lo sappiamo. Quale gioco non lo è difatti? Ma qua, visto il numero ridotto di materiali e la loro sobrietà, secondo noi gli autori hanno dovuto dare una maggior prova di ingegno rispetto al solito.
Saranno riusciti a stupirci? Alle conclusioni l’ardua sentenza.

Cosa trovate nella Blue Collection

A essere precisi, come vedremo poco più avanti, è possibile dare il proprio pledge anche solo per un titolo della Blue Collection.
In questo articolo richiameremo tutti e tre i titoli, lasciando a voi la scelta, come sempre.
Alle conclusioni vi daremo anche il nostro parere.

One Card Dungeon

Secondo noi geniale. Un dungeon crawler (si veda ad esempio Dungeonology per capirne il significato) costruito su una carta.
I mostri sono dadi, giusto per segnare il loro punti vita, mentre altri dadi tengono traccia delle abilità del vostro eroe.
Un gioco all’apparenza banale, ma solo per gli stolti.
In realtà i mostri si muovono bene e vi tengono a distanza.
Converrà sapere usare bene mura e ostacoli per non farsi circondare.
Pe inciso nessuno in Volpe Giocosa ha visto l’ultimo livello.

▲ Torna all’indice ▲

Cyberdoom Tower

Lasciato il mondo fantasy di One Card Dunegon, ci ritroviamo nel cyberpunk di Cyberdoom Tower.
Un gioco per 1 o 2 giocatori dove sarete chiamati a risalire i piani di un grattacielo prima di arrivare all’Intelligenza Artificiale da sconfiggere.
Per arrivare nei suoi “appartamenti” necessiterete di recuperare le chiavi, sempre se le sentinelle del piano ve lo permetteranno.
Per fortuna ci sono bottini da razziare per potenziare il proprio personaggio per vendere cara la pelle.

▲ Torna all’indice ▲

Insert Coin to Play

Un gioco che richiama alcune meccaniche che hanno davvero spaccato il mondo dei giochi da tavolo.
Insert Coin to Play usa la stessa logica di Seconda Chance ad esempio.
Tre mostri alla Space Invaders da disegnare su un blocchetto.
In questo Flip & Play annerirete “i pixel” che disegnano il mostro, ma mettendo a rischio le vostre vite nonché le monetine.

▲ Torna all’indice ▲

C’è la possibilità di provarli anche in formato digitale (se cliccate sull’immagine trovate Cyeberdoom Tower di Tabletopia)

La campagna Kickstarter

Siamo andati veloci sulla presentazione dei giochi, dal momento che esistono nostri articoli dedicati che ne approfondiscono ciascuno.
Parliamo della campagna di crowdfunding in sé.
One Card Dungeon e Insert Coin to Play vi costano 8€ ciascuno, mentre sale a 11€ il contributo per Cyberdoom Tower.
Ovviamente sono compresi tutti gli stretch goal che si sbloccheranno,
Con 23€ si prendono tutti e 3 (risparmiando 4€ insomma).
C’è ancora un po’ di tempo, ma conviene affrettarsi, per l’All In. Tutto a casa vostra, compresi migliorie per ciascun gioco, a soli 35€.
Per completezza aggiungiamo che le spese per l’Italia sono solo 6€ per i giochi e 1€ aggiuntivo per ogni extra che si è scelto da aggiungere.
Molto carine anche le magliette: la nostra preferita è quella con il grattacielo di Cyberdoom, molto Monna Lisa Cyberpunk.
Tutto è previsto per Settembre 2021.

In conclusione

Seguiamo la Blue Collection da un po’. Abbiamo infatti parlato col proponente del Kickstarter, Little Rocket Games, e con gli autori.
Siamo stati colpiti dall’ingegno che c’è dietro ai giochini.
Abbiamo per ogni gioco riportato un link che richiamiamo anche qui in una breve lista:

E’ già un successo

La Blue Collection si può dire essere già un successo.
Nel mentre che scriviamo i ragazzi di Bracciano hanno raccolto 3 volte quanto serviva loro per avviare il progetto.
Più di 400 i sostenitori di questo progetto che, come risulta dalla pagina del Kickstarter, ha passato le forche caudine di diversi contest con ottimi risultati.
Leggete come sempre il regolamento per sapere se la Blue Collection fa per voi.

Pledge o no?

Beh, che responsabilità.
A noi piaceva già nella crudità del print & play. Per il Kickstarter sono state aggiunti alcuni add-on, come tappetini e dadi particolari.
Sicuramente un plus, o un must have quando ci si butta sull’arena del crowdfunding.
Secondo noi, soprattutto il pledgeAll In Early Bird” è molto vantaggioso, con un bon rapporto qualità/quantità – prezzo.
In questo modo, anche al netto delle spedizioni, con una quarantina di euro si riesce a portare casa ben 3 giochi.
Diverso il discorso se si va per una scatola.
Ma che senso avrebbe? ACCATTATAVILLO!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code