Ramba Zamba: folli rincorse nella fattoria

Estate, giornate al mare o in montagna. Anche qualche acquazzone (magari in questo periodo ci speriamo pure…).
Insomma, non importano le condizioni meteo.
Ogni occasione è infatti buona per tirare fuori dalla borsa o dallo zaino un divertente filler.
Può essere Ramba Zamba di CreativaMente il nostro must have?

Tempo di lettura 5 minuti

L’audio Podcast

C’era un indovinello, un problema di logica, che andava di moda forse qualche anno fa.
Ricordate l’uomo che con la sua zattera doveva traghettare da una sponda del fiume all’altra, un lupo, una capra e dei cavoli?
La sua imbarcazione era così piccola che poteva portare o uno degli animali o uno degli ortaggi.
Del resto, mentre era impegnato nella traversata, doveva evitare che il lupo mangiasse la pecora o che l’ovino brucasse quello che non doveva.
Ecco, il concetto di fondo di Ramba Zamba si rifà a questo indovinello.
Salverete capra e cavoli? Qualche link utile alle conclusioni,

Per chi va di fretta
  • Un gioco di carte un po’ per tutta la famiglia
  • Un gioco semplice, che si rifà al proverbio “salvare capre e cavoli”
  • Dovete collezionare 5 animali della stessa specie
  • Gli animali si scacciano fra loro in una catena
  • Alta interazione che permette di fare scompiglio nelle aie avversarie

Ramba Zamba
di Johannes Schmidauer-König
CreativaMente

Da 2 a 5 giocatori. Età 8+

Durata: 20 minuti
Costo: 15 eur circa


Un mazzo di carte che racchiude un’aia

Già, non proprio una fattoria.
Se pensiamo ad una fattoria ci viene in mente Agricola, la semina, il raccolto e tutta la gestione della tenuta a cui molti giochi ci hanno abituato.
Niente di così complesso per Ramba Zamba, che invece si occupa di una dimensione più piccola della vita agreste.
Stiamo parlando delle beghe che si possono creare all’interno dell’aia.

Sul dorso delle carte una zuffa fra gli amici di Ramba Zamba

Diversi animali che devono imparare a convivere

Le carte del mazzo di Ramba Zamba si dividono per lo più in Lombrichi, Galline, Volpi e Cani.
L’ordine con cui le menzioniamo non è casuale.
E’ noto come le galline razzolino per trovare i lombrichi più succulenti e come le volpi, non quelle giocose, si appostino al calar del sole vicino ai pollai.
Ci sono poi anche delle carte speciali, come i Pagliai, i Forconi e il Contadino.
Inutile scendere nei dettagli ora, sarà tutto chiaro a breve.
Come del resto è un dettaglio di pura meccanica che gli animali siano divisi in maschi e femmine.
Gli amanti del comparto grafico troveranno in Ramba Zamba divertenti illustrazioni colorate, dove la più buffa è forse quella del Contadino, mentre il Cane ricorda Ettore.

Una disposizione delle carte sul tavolo, nell’ordine corretto

Un gioco semplice, ma ragionate un attimo

Ramba Zamba è un party game pensato affinché i bambini possano giocare da soli, ma lo possano fare anche con adulti in un ruolo attivo, non di semplici babysitter.
E’ quindi molto semplice, come altri giochi di carte di CreativaMente quali Poop Poop.
Se vi dicessimo che il Redattore sottovalutò le regole del gioco e commise stupidi errori?
Ci arriviamo tra poco.

Il buffo Contadino è una carta speciale che tiene a bada i cani e finisce nella pila degli scarti

Un’aia in pace e 5 animali da collezionare

Tecnicamente Ramba Zampa è un gioco dove si devono collezionare oggetti (carte nello specifico).
Vince chi per primo ha 5 animali della stessa specie nella sua fattoria, ovvero calati davanti a sé.
Fate attenzione ad impilare animali della stessa specie nella stessa colonna, in modo che spunti il bordo superiore, così da avere sempre sott’occhio il numero di animali d’ogni specie.
La meccanica principale riguarda l’interazione fra le carte.
Se avete già davanti a voi due Lombrichi, se calate una Gallina scaccerà i due simpatici amici che finiranno nella pila degli scarti.
Lo stesso avviene con le Volpe per le Galline, seguendo per le varie tipologie di carte l’ordine proposto in precedenza.

Ci si può nascondere in un Pagliaio, ma prima o poi arriverà qualcuno con un Forcone

Le carte speciali

Se ci siamo spiegati a modo, non avete capito come scacciare i Cani.
Per farlo c’è una carta speciale, il Contadino, che si occupa lui di tenere a bada Ettore.
Tuttavia gli animali sono astuti e potranno nascondersi in un Pagliaio.
Quando giocate un Pagliaio, controllate a che pila di animali si può applicare.
Una volta associata, ad esempio alla pila delle Volpi, i Cani non potranno scacciare tutte le carte-volpe che sono prima del Pagliaio.
L’avversario può comunque giocare un Forcone per dissfare il cumulo di paglia e stanare gli animali dal loro nascondiglio.

Per chiarire il concetto di chi scaccia chi.
Potete anche stamparlo e usarlo come promemoria se qualcuno avesse delle difficoltà su come disporre le carte

Un’alta interazione

Manca forse l’elemento più divertente del gioco. Non è il Forcone l’unica carta che “entra in territorio avversario”.
Non lo abbiamo specificato, ma potete calare le vostre carte anche nelle aie degli avversari.
Magari un giocatore sta collezionando Volpi e le tiene bene impilate.
Perché non inviare un Cane a generare un po’ di scompiglio?
Tenete però conto che, in sostanza, state regalando un Cane all’avversario. Che gli possa servire in futuro?
Beh…in Ramba Zampa, consiglio gratuito, è sempre meglio togliersi di torno il problema imminente e preoccuparsi del resto in un secondo momento.

In conclusione

>> Link al regolamento
>> Link alla scheda del gioco

Ramba Zampa lo abbiamo portato con noi in diverse occasioni, sia che fossero presenti bambini sia in caso di soli adulti appesantiti da una grigliata.
Come ogni party game in genere, gira sempre meglio all’aumentare dei giocatori, ma anche in 2 fa il suo dovere.
In un numero ristretto, infatti, è più facile tenere sotto controllo le aie degli avversari.
In 5, soprattutto in terreni sconnessi di gioco, conviene condividere le informazioni del tipo “gli manca solo un Lombrico!”.
Questa azione di sorveglianza è comunque tosta: sebbene solitamente si giochi dalla mano una carta alla volta, se si hanno due animali di sesso diverso si possono calare insieme.
E così che sballano i conti!

Ad inizio paragrafo trovate due link al sito di CreativaMente.
Se avete apprezzato questo gioco, come già detto, date un’occhiata a Poop Poop.
Trovate, come sempre fa questo editore, una descrizione accurata del gioco e il regolamento.

Calare prima i Lombrichi e poi le Galline

Ben fatto Redattore!
In questo modo l’aia sarà sempre vuota.
Ecco che l’esempio dell’introduzione diventa calzante.
La logica richiede, ad esempio, di giocare prima le Galline e, poi, i Lombrichi.
Infatti i Lombrichi non subiscono effetti da Galline giocate in precedenza.
Un’altra soluzione è quella di giocare “animali alternati”: se giocate il Lombrico, pensate poi a procurarvi una Volpe…

Qui di seguito vi proponiamo una lista di giochi che possono piacerti se hai gradito l’articolo.
Acquistandoli dal nostro partner Get Your Fun attraverso questi link non ti costa nulla, anzi, e aiuterai a sostenere Volpe Giocosa:

20 Luglio 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code