Little Rocket Games: i cani pareggiano i conti con i gatti

Qualche giorno fa l’annuncio a sorpresa di Little Rocket Game per due localizzazioni previste in autunno.
L’azienda di Bracciano ci ha proposto diversi giochi lo scorso anno, come Chai e Cascadia.
In particolare, Calico era un gioco che nessun gattaro si sarà lasciato sfuggire: oggi è la rivincita degli amanti dei cani.

Tempo di lettura 3 minuti

Sebbene daremo enfasi più a un titolo rispetto ad un altro, sono due i giochi che Little Rocket Games ci propone.
Oltre a Dog Park, a cui ammiccavamo nel cappello introduttivo, c’è anche Secret Identity.
Nell’articolo proviamo a parlarvene un po’.

I due giochi che ci propone Little Rocket Games

Passiamo nel dettaglio a presentarvi i due giochi.
Le informazioni riportate sono un mix di quanto ci ha detto Little Rocket Games e il risultato di una nostra ricerca in rete.
La versione localizzata potrebbe quindi essere diversa da come da qui presentata, ma non pensiamo di molto, anche viste le esperienze precedenti.
Ecco ora i titoli proposti:

Dog Park

👨👩 1-4 giocatori
⏲️      40-80 minuti
🎂      Da 10+

Sicuramente quello che colpisce l’occhio è la qualità della componentistica.
Lo scopo del gioco è portare i propri cani…allo sgambatoio. Così si dice dalle nostre parti, non sappiamo come verrà tradotto.
Diciamo che parleremo di Parco.
Ogni giocatore ha la propria plancia dove ospita i suoi cani e altre amenità, fra cui alcune risorse (un legnetto, una palla oppure un dolcetto per cani…).
La prima fase è una sorta di asta dove i giocatori si portano a casa i cani. L’asta non è basata sul denaro, ma sulla reputazione del padrone.

Andare a passeggio al parco

Si va poi al parco, scegliendo chi portare fra i propri cani.
Essendo un po’ pigri, evidentemente, vanno stimolati con le risorse di cui parlavamo prima.
Chi però rimane a casa poi sarà scontento, con malus per il proprietario.
Al Parco l’umano e il canide si muovono su un tracciato, con l’obbligo di muoversi sempre e impossibilitati a fare marcia indietro.
Quando si attera su una casella non occupata si raccolgono le risorse, altrimenti portare a casa qualcosa è più complesso.
Quando rimane solo un cane nel parco, perché tutti gli altri hanno finito la passeggiata, anche quest’ultimo andrà a casa, beccandosi un malus.
Ovviamente tutto Dog Park è corredato da carte, obiettivi bonus e abilità proprie di ogni singolo pulcione.

▲ Torna all’indice ▲

Secret Identity

👨👩 3-8 giocatori
⏲️      30 minuti
🎂      Da 10+

È un gioco di carte a identità segrete.
A differenza di altri titoli con questa meccanica, lo scopo è sì di scoprire l’identità degli avversari, ma anche far conoscere la propria.
Un tabellone comune ospita 8 personaggi. Troverete un po’ di tutto, da Indiana Jones a Bill Gates, ad esempio nella versione non localizzata.
Una carta con un numero ci dirà chi siamo e tramite degli indizi, le Carte Icona, proveremo a farci “trovare”.
Ogni giocatore ha una cassaforte, una sorta di busta, che ha sei “lucette”, metà verdi e metà rosse.

Ognuno ragiona con la sua testa

Una sorta di graduatoria, dove l’estrema sinistra equivale a “Non è attinente”, fino al contrario all’estrema destra.
Le carte Icona sono semplici pittogrammi che posizioneremo vicino alle lucette per dare delle informazioni su chi siamo.
Segue poi una fase di votazione, dove ogni giocatore interpreta le icone sulle casseforti avversarie e associa i personaggi ai giocatori.

▲ Torna all’indice ▲

In conclusione

Dog Park pareggia i conti col Calico. Come il gioco con i gatti, anche questo è abbastanza sornione.
Componenti con risorse deluxe, a partire dai meeple-risorsa con cui interagiscono i cani ai propri meeple di padroni (brutta parola) e dei cani stessi.
Anche la grafica acquerello propone molto bene i pelosi, dove nel comparto artistico troviamo anche, già visto in Black Orchestra ed Everdell.
Il Kickstarter ha avuto un enorme successo, con quasi 7000 sostenitori per una raccolta di quasi 300.000 sterline.
Per quanto riguarda la meccanica, nella passeggiata al Parco ci vediamo molto di Parks.
C’è infatti una logica per cui andare lenti permette di raccogliere più risorse, ma si rischia di venire cacciati dai giardini pubblici se siamo rimasti da soli.
Il gioco prevede anche regole speciali per 2 giocatori e una modalità di solitario.
Da vedere come scalerà il tutto, ma, visto il tema e le meccaniche, ci sembra un successo annunciato.

Secret Identity mischia le meccaniche di voting alla Dixit con i ruoli segreti.
Il bello di questi filler-party game è che ognuno usa un proprio sistema interpretativo e, alla fine di ogni round, nasce sovente un piccolo dibattito.
In particolare, se si sceglie la modalità cooperativa, la discussione potrebbe essere più accesa.
E comunque basta aspettare l’autunno per scoprirlo.

Qui di seguito vi proponiamo una lista di giochi che possono piacerti se hai gradito l’articolo.
Acquistandoli dal nostro partner Get Your Fun attraverso questi link non ti costa nulla, anzi, e aiuterai a sostenere Volpe Giocosa:

8 Aprile 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code