Cascadia: lungo la costa nordoccidentale americana

Finalmente riusciamo a parlarvi di Cascadia, gioco, come altri di Little Rocket Games, che ci incuriositi dai tempi del Kickstarter, quando Flatout Games lo propose.
E’ un gioco che ha punti in comune con Calico, non solo l’editore straniero, AEG.
Ecco quindi che ora abbiamo l’occasione di presentarvi Cascadia localizzato in italiano.

Tempo di lettura 6 minuti

Cascadia lo provammo con “I Dadi in Biliko” a Play 2021.
Ci confermò l’impressione che avevamo sviluppato informandoci in rete. Giocare poi anche a Calico nella stessa occasione, ed anche a casa, ci ha permesso in seguito di fare delle considerazioni che condivideremo con voi in un altro articolo.
Ora concentriamoci su Cascadia con un salto fra Stati Uniti e Canada alle conclusioni.
Per chi va di fretta

Per chi va di fretta
  • Un piazzamento tessere e…gettoni
  • Bisogna creare i pattern che la Fauna si aspetta
  • Anche avere gli Habitat più ampi possibili è buona cosa
  • Poca interazione? Ottimo solitario!
  • Buona idea le Imprese di Cascadia

Cascadia
di Randy Flynn
Little Rocket Games

Da 1 a 4 giocatori. Età 10+

Durata: 30-45 minuti
Costo: in offerta su Get Your Fun


Come volare in territori incontaminati

Classica scatola quadrata per Cascadia, ma di formato ridotto rispetto allo standard.
L’immagine del coperchio racchiude tutto quello che troveremo nella confezione: diversi paesaggi (Habitat) e diversi animali (Fauna).
Come sappiamo non sempre le regioni geografiche coincidono con i confini politici.
Il territorio noto come Cascadia copre diversi Stati, partendo dall’Oregon (USA) e arrivando alla Columbia Britannica e allo Yukon (Canada).
Informazioni che non sapevamo, ma che sono ben spiegate nella seconda pagina del regolamento.
Come in Calico c’è una componente didattica nel manuale ed è un aspetto che è sempre elegante.
In questo caso, oltre alla collocazione geografica di Cascadia, in penultima pagina sono proposti gli Habitat e la Fauna propria di questa zona.
Ma torniamo più prosaicamente al gioco.

Un sacchetto contiene tutti i gettoni Fauna

Gli animali e il loro habitat

Fauna e Habitat sono le parole chiave di Cascadia.
L’Habitat è rappresentato da un elevato numero di tessere esagonali.
Ogni tessera riporta uno o più Habitat che si trovano a Cascadia.
Possono essere Fiumi, Foreste, Praterie, Montagne o Zone Umide, non proprio palustri.
Ogni tessera indica con un cerchietto anche la tipologia di Fauna che può abitare negli Habitat proposti.
A Cascadia vivono 5 tipi differenti di animali, o Fauna: Orsi, Alce, Salmoni, Volpi e Falchi.
Per ciascun tipo di Fauna c’è un segnalino, un gettone, che troverà posto in un sacchetto di stoffa da dove saranno estratti.

In ogni partita ogni elemento della Fauna indicherà tramite la sua Carta Punteggio che pattern richiede

Organizzare gli animali secondo i loro desideri

La componente che regola il gioco sono le Carte Punteggio.
In breve, ogni partita ne impiega 5, una per ciascun tipo di Fauna.
Per ogni specie animale sono fornite quattro possibilità, quattro logiche diverse che portano a fare punteggio.
Ogni carta indica come quel tipo di animali si vuole disporre sul territorio.
Sicuramente vogliono vivere nel loro Habitat, lì non c’è dubbio, ma l’Aquila ad esempio non vuole altri suoi simili nelle tessere contigue. Gli Orsi invece possono preferire di stare a coppie, ma senza altri plantigradi attorno a rompere le scatole.
Se non rispettiamo le esigenze della Fauna, i loro gettoni non porteranno punteggio, ci dispiace.
Le esigenze di ogni elemento della Fauna, lo ricordiamo, dipende da che carta per quell’animale è stata sorteggiata.

Ci sono quattro 4 per ogni elemento della Fauna, ognuno con un suo pattern più o meno complesso e con una scala di punteggi differente

Un gioco con poche regole

Il paragrafo precedente ha svelato parte del setup.
Ad inizio partita ogni giocatore ha una tessera Habitat Iniziale, che altro non è che un insieme di tre tessere standard “saldate” tra loro.
Come spiegato, per ogni tipo di Fauna è indicato come vogliono essere disposti se vogliamo essere gratificati con dei punti. Si organizza poi una vetrina con 4 tessere Habitat e ad ogni tessera è associato un gettone Fauna.
Nel proprio turno si sceglie una tessera e si prende anche il gettone Fauna associato.
La tessera dovrà andare ad allargare il proprio puzzle, il gettone Fauna andrà posto su uno degli Habitat dove quella specie ama vivere.
Per inciso il gettone Fauna può essere collocato sopra una tessera posizionata in precedenza o su una di quelle iniziali. Non obbligatoriamente, insomma su quella a cui era associata nella vetrina.
Da un punto di vista del regolamento c’è poco da aggiungere.
C’è qualche eccezione che permette di riaggiornare la vetrina quanto perde di varietà la Fauna proposta.
Durante la partita si viene anche in possesso di Segnalini Natura che, oltre a valere 1 punto ciascuno a fine partita, permettono azioni speciali nella scelta della coppia tessera-gettone.
Non serve scendere qui nel dettaglio.

La classica vetrina di Cascadia: ad ogni turno si sceglie una colonna e si prende l’abbinamento di Fauna e tessera Habitat (L’uso delle “pigne” possono rompere questo schema)

Ognun per sé: un indizio per un buon solitario

Cascadia non offre una grande interazione. Un po’ come in Patchwork ognuno lavora al proprio mosaico, che qui prende il nome di Ambiente.
Gli unici colpi gobbi possono essere relativi al “furto” di gettoni o tessere dalla vetrina comune.
Uno dei vantaggi dati dalla bassa interazione è che gira molto bene in solitario.

Avere forzato la mano per avere un lungo tratto di salmoni, può avere creato un pasticcio nella gestione degli Habitat

Imprese a Cascadia

Tenete presente che nel regolamento. un po’ come accadeva anche in Curators, ci sono delle Imprese da compiere.
Una trovata interessante che fa sì che la modalità in solitario non sia solo un beat your score, ma che vengono assegnati anche degli obiettivi.
Un obiettivo può essere di raggiungere un certo punteggio, magari dove una quota è data da un tipo di Fauna.
Le Imprese di Cascadia sono divise in tre modalità e in base al risultato si avanza in un tracciato.
Oltretutto, sebbene ve le abbiamo proposte per giocare in solitario, le Imprese di Cascadia funzionano anche in multigiocatore.

Ottima idea quella delle Imprese di Cascadia che danno uno sprint al gioco in solitario, ma anche a quello multigiocatore

Fare e contare punti: la parte più complessa

Fino ad ora ci siamo concentrati a soddisfare le esigenze degli animali come descritto nelle Carte Punteggio.
Un altro modo per fare punti è quello di creare zone più larghe possibili con lo stesso Habitat.
Pe ogni tipologia verrà premiato la nostra regione più grande e sarà dato un bonus se, ad esempio, la nostra più grande regione montuosa è anche la più grande fra tutte quelle dei giocatori. Il calcolo avviene per ciascun tipo di Habitat.
Questa seconda modalità di fare punti, che si aggiunge a quella delle Carte Punteggio, crea un altro punto di vista.
Conviene mettere una tessera che ci permette di allungare la coda dei salmoni, ma che interrompe l’Habitat dei Fiumi?
Ricordate che per lo più ogni tessera offre più di un Habitat e può accogliere fino a 3 Faune differenti.
Ecco che si apre davanti a noi un ventaglio di possibilità e l’ottimizzatore di turno potrebbe farvi venire un colpo di sonno.

Diversi varianti in vostro aiuto

Cascadia cerca di adattarsi ai giocatori che giocano con lei.
Una “variante famiglia” semplifica le richieste delle Carte Punteggio, togliendole dal gioco e sostituendola con una dedicata più semplice e diretta.
Viceversa, rifacendoci alle Imprese di Cascadia, si possono introdurre restrizioni che aumentano la complessità del piazzamento tessere, per partite ancora più cervellotiche.
Sta a voi porre l’asticella al livello che preferite.

Materiale fan made utile da scaricare

Abbiamo visto che il punteggio è dato sia dalla disposizione della Fauna che degli Habitat. Un po’ calcoloso valutare la performance finale.
Il blocchetto segnapunti all’interno della scatola è manna dal cielo.
Se non volete usare i bigliettini in dotazione, trovate questo file su BGG.
Questa versione non è a colori e permette di stampare quattro foglietti su un unico A4.
Infine può essere utile, per la prima partita, questo foglio riassuntivo.
Ne avrete uno per ogni giocatore con un solo A4.
In realtà Cascadia è molto sistematico: non c’è molto da ricordare.

Un esempio di come funzionano le Carte Punteggio.
Ogni “coda” di salmoni è premiata in base alla sua lunghezza.
Questo è lo schema della carta A.
In blu i punti che vengono assegnati in base alla lunghezza della coda.
In rosso il guadagno che si ottiene allungando di un salmone la coda.
Si capisce che il quarto salmone, ad esempio, paga meglio del terzo.
Dopo 7 salmoni non vengono offerti punti addizionali.

Una visione più tecnica

Per darci un tono, anche se l’avete capito, Cascadia è un piazzamento tessere dove bisogna costruire dei pattern, delle sequenze.
Precisamente sono due e il gioco sta proprio nel creare il giusto equilibrio cosicché, ad esempio, concentrandoci sulla creazione di una lunga fila di Alci non venga meno l’ampiezza dei Fiumi.
Ulteriore elemento da considerare è come si sviluppano i punti delle Carte Punteggio, le cui serie differenti caso per caso danno ulteriore materiale da considerare nelle valutazioni.

In conclusione

Cascadia, fin da Play 2021 quando lo abbiamo provato allo stand di Little Rocket Games, ci è sembrato il fratello minore di Calico.
Attenzione, non stiamo dicendo il cugino povero.
Con questo accostamento vogliamo notare come sia un piazzamento tessere più easy rispetto a creare le coperte per i gatti.
Infatti l’idea di fondo è molto semplice: creare due pattern, quello richiesto dalla Fauna e quello dagli Habitat, che possono essere fra di loro antagonisti.
L’abilità del giocatore è proprio quella di trovare il giusto bilanciamento fra le due strategie.

Poca interazione…che relax!

La bassa interazione ne fa un buon digestivo, in modo che ognuno si concentri su di sé.
Inoltre, questa caratteristica rende semplice la scalatura, cosicché Cascadia rende bene a prescindere dal numero di giocatori.
Ottime le immagine delle carte e tutto quando, ma non vi aspettate di percepire un’ambientazione: siamo di fronte ad un astratto.
La semplicità sopra descritta è sempre stata sufficiente, nelle nostre partite, ad evitare paralisi dove si cerca l’ottimizzazione della scelta dalla vetrina comune.
Se avete amato New York Zoo, ad esempio, amerete anche Cascadia, con gli animali liberi nel loro habitat questa volta.

Se volete acquistare questo gioco, vi consigliamo di rivolgervi a Get Your Fun.
Arrivarci attraverso questo link a te non costa nulla, anzi, ed inoltre aiuterai a sostenere Volpe Giocosa.

12 Dicembre 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code