Chamber of Wonders: ci abbiamo giocato ed ecco cosa ne pensiamo

Qualche giorno fa vi abbiamo parlato del lancio da parte di Ludus Magnus Studio di Chamber of Wonders.
E’ un gioco proposto attraverso una campagna Kickstarter, ovvero il famoso sito di crowdfunding.

Tempo di lettura 5 minuti

Questo progetto ci aveva incuriosito sia per l’ambientazione, la Londra Ottocentesca, che per la cura dei materiali.
La lettura del regolamento provvisorio, ormai proposto in tutti i Kickstarter, ci ha messo di fronte a un gioco semplice, quasi party game, ma dall’altra parte con diverse sfaccettature.
Abbiamo avuto l’opportunità di giocare con una copia fisica prototipale, che abbiamo consunto per l’utilizzo.
Alle conclusioni qualche impressione.

pic5964136

L’hobby del collezionare

Se non avete letto l’articolo precedente, è opportuno fare una piccola sintesi dell’ambientazione troverete in Chamber of Wonders.
Letteralmente Camera delle Meraviglie, non è un concetto metaforico o astratto, ma qualcosa di concreto.
Come Wikipedia riporta le Camere delle Meraviglie nascono già nel 1500.
In pratica certa parte della nobiltà amava creare stanze dove raccoglieva collezioni con reperti sempre più rari.
In Chamber of Wonders siamo nell’800, con nobili annoiati che mettono nelle Teche dei loro Espositori anche oggetti di dubbio gusto.
Sfogliando il mazzo Meraviglia, i ragazzi di Ludus Magnus Studio buttando dentro anche improbabili reperti della cultura nerd.

Un setup del gioco

Un setup del gioco

Materiali curati in 3D

Abbiamo conosciuto i ragazzi di Ludus Magnus Studio principalmente per Dungeonology e Banditi di Sherwood.
In entrambi i casi i materiali erano di ottima qualità.
Stesso stile per Chamber of Wonders.
Ci vuole in realtà un po’ di abilità nel montare gli Espositori, ma una volta fatto non serve più smontarli.
La scatola è sufficientemente capiente per riporre tutto senza disassemblare ogni volta, a costa di avere spese di spedizione del gioco più elevate.
Le carte Meraviglia, a cui facevamo riferimento, sono anche loro in ottima qualità e sono quelle che andranno a prendere posto negli Espositori.
Sono ben 12, visto che ogni giocatore ne deve usare 3, e occupano metà della scatola.

Il 3D fa sempre la sua scena

Il 3D fa sempre la sua scena

La riproduzione di Londra

Il prototipo che abbia noi vanta un tappetino in neoprene (playmat), da usare al posto del tabellone.
Nella versione Kickstarter si può avere per 16€, costerà di più in futuro.
In pratica c’è un posto per alloggiare il mazzo Meraviglie al centro e i suoi scarti.
Intorno si alternano Zone di Londra, con un iconico edificio in 3D, alternati da carte Contatto.
In ogni partita sia hanno 4 Zone di Londra e 4 Contatti.
Tenete presente che ogni Zona è double face, consentendo azioni diverse, ma ci ritorneremo.

Uno dei tre Esposiztori a disposizione, con 3 Teche. Una è ancora bloccata

Uno dei tre Espositori a disposizione, con 3 Teche ciascuna. Una è ancora bloccata

Un gioco molto snello

Il gioco è molto semplice. Proveremo a darvene un’idea, ma prima bisogna fare chiarezza sulla terminologia.
Ogni giocatore ha a disposizione tre Espositori.
All’inizio ogni Espositore ha 2 Teche a disposizione, con la possibilità di sbloccare una terza.
Ad ogni turno, vostro o degli avversari, avete la possibilità di riempire una Teca con le Carte Meraviglia che avete in mano.
Attenzione perché la Teca designata per quel turno, rimarrà “intoccata” in quelli successivi.
Ogni Teca può ospitare sempre una singola Meraviglia, ma alcune Meraviglie consentono di essere piazzate insieme.
I Mostri ad esempio sono completi con un set di 3 carte Testa-Corpo-Gambe e una singola Teca può ospitare fino a 4 libri diversi.

Gli Agenti sono meeple con adesivo

Gli Agenti sono meeple con adesivo

Inviare i propri Agenti per Londra

Ogni giocatore ha un certo numero di meeple che dipende dalle persone sedute al tavolo.
Ogni meeple rappresenta un’azione da spendere in un turno. Tanti meeple, tanti turni.
L’agente giocato, a seconda della Zona e del lato della stessa visibile, dà il via a un minigioco che coinvolge sempre tutti i giocatori.
Può essere un’asta oppure una scommessa su che carte usciranno dal mazzo Meraviglia.
O ancora c’è la possibilità di scartare carte Meraviglia dalla propria mano in cambio di denaro.
Insomma, è tramite il posizionamento dell’agente che si crea la bagarre che porta ad variare la propria mano di carte Meraviglia.
Come dicevamo, e nella seconda fase di ciascun turno che si riempie una Teca per volta.

Riconoscete questi edifici storici di Londra?

Riconoscete questi edifici storici di Londra?

Un gioco molto breve e altamente rigiocabile.

Una partita dura spesso meno di mezz’ora. In un singolo pomeriggio è difatti possibile fare molte partite.
Se si conosce già il gioco, in particolare quello che offrono le Zone, allora si è avvantaggiati.
La brevità della singola partita fa però in modo che anche chi non conosce Chamber of Wonders possa diventare velocemente competitivo.
Uno dei punti cardine è anche capire come le Meraviglie danno punti.
Come visto nell’articolo precedente, ogni Meraviglia ha un punteggio, ma ogni tipo ha delle sue particolarità.
Ci sono bonus per Teche con Mostri interi, mentre i Leggendari lo fanno se non ci sono doppioni in circolo, ad esempio.

Un setup sempre diverso

Abbiamo provato a calcolare le combinazioni di setup differenti.
Un numero altissimo. Delle 6 Zone che avevamo se ne usano 4, lo stesso vale per i Contatti.
Ogni Zona a sua volta ha due lati con azioni che attivano minigiochi diversi.
Impossibile annoiarsi da questo punto di vista.

Le carte Meraviglie divise per tupi. I Preziosi danno subito denaro, altri danno punti extra alla fine se certic riteri sono soddsfatti

Le carte Meraviglie divise per tupi. I Preziosi danno subito denaro, altri danno punti extra alla fine se certi criteri sono soddisfatti

Cos’è cambiato nella campagna Kickstarter

Già nell’altro articolo avevate indicazioni “economiche” su questo progetto.
Una copia base costa 35€, quella deluxe 99€.
C’è da dire che questa seconda versione è gravida di ogni cosa, compresi inserti e pezzi in legno.
Rispetto a quanto già detto, ora possiamo dire che con la quota base (Collector’s Edition) avete comunque diritto con 2 Espansioni e Stretch Goals, contenuti sbloccati durante la campagna.

Espansioni e Streched Goals

Beh…davvero un sacco di roba.
Sono per lo più nuove Zone e nuovi Agenti e Contatti, ma ci sembra anche meccaniche diverse.
Non abbiamo molti dettagli in realtà, ma, come vedete già dall pagina del crowdfunding, ci sono anche dei dadi.
Se prima le spedizioni di 15€ erano giustificate dalle dimensioni della scatola, lo sono oggi a maggior ragione con questi contenuti addizionali.
La data di consegna è sempre Ottobre 2021.

I Contatti non li abbiamo ben spoegati. Dopo aver attivsto una Zona, si può scegliere i servigi di uno dei Contatti adiacenti alla Zona stessa

I Contatti non li abbiamo ben spiegati. Dopo aver attivato una Zona, si può scegliere i servigi di uno dei Contatti adiacenti alla Zona stessa

In conclusione

Chamber of Wonders, proposto da Ludus Magnus Studio, sta completando il suo percorso su Kickstarter.
Un percorso di successo, che gli ha permesso di raccogliere più di 70000€ e, cosa interessante, per i giocatori sbloccare un sacco di extra.
Noi ci abbiamo giocato molto in questi giorni, provandolo con diverso numero di giocatori.
Rapido, forse anche troppo in 2 giocatori, dà il meglio in 3-4 persone al tavolo.
Il setup è molto variabile cosicché i minigiochi ad ogni partita siano differenti.
Questo è secondo il segreto della longevità di Chamber of Wonders, o almeno che noi ci aspettiamo abbia.
Ogni minigioco per l’assegnazione delle Carte Meraviglia ha una meccanica differente, dall’asta alla piccoli giochi di scommessa (guessing games), passando per la semplice compravendita.
Per quanto ci si possa impallare a pensare, in ogni turno sono coinvolti tutti i giocatori, sia per la partecipazione al minigioco che alla preparazione del proprio Espositore.

Chi dovrebbe fare il pledge

C’è in realtà da affrettarsi dal momento che scade stasera, 11 Marzo 2021, la possibilità di partecipare alla campagna.
In genere è comunque previsto un Late Pledge.
Dovreste farlo se cercate un gioco rapido, non solo per esperti, molto variabile e privo di tempi morti.
Anche se siete esigenti in quanto a qualità del materiale, Chamber of Wonders non vi deluderà. Solo i meeple Agenti sono forse migliorabili.
Il gioco di per sé non ha un’ambientazione sentitissima, nel senso che non vi porterà a Londra, ma avrete altro a cui pensare.

getyourfan

Get Your Fun, come in altre circostanze, ha organizzato un gruppo di acquisto.
Oltre a ottenere scontistiche, garantisce anche facilità nel reperimento di Chamber of Wonders anche a chi non è pratico di crowdfunding.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code