Kodachi: furtività o forza per raggiungere i propri obiettivi?

Kodachi è un gioco di carte che quest’anno Fever Games ha portato in Italia.




Se vi diciamo che kodachi è un’arma giapponese, già vi abbiamo detto metà dell’ambientazione.
Se aggiungiamo che è un’arma da taglio di lunghezza tale da non essere prerogativa dei samurai, vi diamo un indizio sull’altra metà.
Poi, vabbè, prendete la scatola e tutto si palesa in un batter d’occhio.
Non ci resta che parlare di bushido alle conclusioni.

Kodachi_box_ITA_burned

Kodachi
Fever Games

Da 2 a 4 giocatori. Età 14+

Durata: 45 minuti
Costo: 20 eur circa


Ci atteniamo per l’età minima a quanto riportato dall’editore. Come in altre circostanze, crediamo sia una questione di normativa che non di reale rischio o giocabilità da parte di ragazzi più giovani.

Un ordine quasi giapponese

La scatola 17 x 13 cm, quindi tascabile, come dicevamo, vi proietta già nel Giappone feudale.
L’immagine del guerriero armato di tutto punto avvicinerà al gioco gli amanti del Sol Levante e allontanerà chi ha poco interesse in questa cultura.
In realtà chiediamo a questo seguendo gruppo un po’ di fiducia e continuare a leggere questo articolo.
All’interno della scatola un inserto di cartone permette di raccogliere in 2 mazzi le carte da gioco e un piccolo spazio ospita dei token (Segnalini Clan) e il segnalino giocatore di turno.
Questa disposizione permette effettivamente di tenere tutto più o meno ordinato, ma dei fori come visto in Poop Poop, renderebbe più facile estrarre i mazzi.

Un setto per tutto

Un setto per tutto

Guardie e Palazzo

Le carte si dividono principalmente in due mazzi: Guardie e Palazzo.
Le carte Guardia rappresentano per l’appunto…le guardie.
Le guardie semplici hanno un valore di forza e un Tesoro indicato in alto a sinistra.
Le guardie Palazzo sono personaggi che stanno nel castello. Sono caratterizzate da un costo per essere acquisite.
Forniranno aiuti in battaglia, essendo inserite nel mazzo del giocatore (ora ci arriviamo).
A fine partita permettono anche di fare punti.

Parte del set di carte iniziali. Le carte Dojo sono semplici numeri

Parte del set di carte iniziali. Le carte Dojo sono semplici numeri

“Sta mano po esse fero e poesse piuma”

Questa frase di un film storico della commedia italiana, calza perfettamente nel contesto di Kodachi.
Ogni giocatore è un ninja e inizia la partita con un set di carte abbastanza base.
Sono per lo più carte Dojo che indicano solo un numero.
Un po’ formano un mazzo, e alcune stanno in mano.
Scoperta una carta dal mazzo Guardie e una da quello Palazzo, il giocatore di turno decide come affrontare la guardia.
Se decide di sbarazzarsene in modo furtivo, pone il segnalino sul lato apposito, e sconfigge la guardia se gioca una carta del valore più basso di quello riportato sulla carta in tavola.
Viceversa se preferisce usare la forza.
Se lo sconfigge può ripetere l’operazione con altre due carte, ma questa volta la guardia andrà sconfitta con la precedente modalità.
Quando si pensa sia abbastanza, si può prendere dalla tavola un certo numero di carte in base al numero di guardie messe al tappetto.
Fate attenzione: se non avete carte per sconfiggere la guardia, perdete e non prendente nessun premio.

Diversi tipi di guardia. E' chiaro che un guerriero pesantamente armato sarà difficile da sconififggere con la forza. In altro a destra il Tesoro che portann con sè

Diversi tipi di guardia. E’ chiaro che un guerriero pesantemente armato sarà difficile da sconfiggere con la forza. In altro a destra il Tesoro che portano con sé.

Tesori e acquisti

Qui bisogna fare attenzione alla terminologia. Una guardia sconfitta diventa un Tesoro, caratterizzato dall’icona nell’angolo in alto a sinistra.
Queste arrivano nella propria riserva in modo gratuito. Le carte Palazzo scoperte, invece, devono essere pagate e finiscono nella mano del giocatore per essere usate nei turni seguenti.
Queste carte sono importanti perché determinano il punteggio e perché permettono di raccogliere Segnalini Clan, su cui è legata la fine della partita.

Le guardie d'elite ha numeri diversi a seconda di come vengono affrontate o sono doppie.

Le guardie d’elite ha numeri diversi a seconda di come vengono affrontate o sono doppie.

Ulteriori dettagli

Come sempre non spieghiamo per filo e per segno il regolamento, gratuitamente scaricabile.
Il gioco infatti è semplice come lo abbiamo spiegato, ma più variegato.
Infatti oltre a una carte base, in genere una Dojo, si possono giocare in abbinamento carta Abilità che permettono di correggerne il risultato.
Si parte con due carte Abilità, abbastanza scrause, ma poi se ne possono comprare altre dal mazzo Palazzo.
Anche le guardie non sono tutte base, ma alcune sono d’elite rosse. Sono generalmente più cattive e più difficili da sconfiggere.

I Segnalini Clan e il segnalino giocatore. Oltre a essere un ammenicolo permette di scegliere se affontare una guardia in modo furtirvo o con al forza

I Segnalini Clan e il segnalino giocatore. Oltre a essere un ammennicolo permette di scegliere se affrontare una guardia in modo furtivo o con la forza

Una meccanica di cui abbiamo parlato poco: il deckbuilding

Letteralmente è una meccanica dove il giocatore deve crearsi un mazzo personale arricchendolo nel corso dell partita.
L’acquisto delle carte del mazzo Palazzo serve a questo. Di volta in volta giocherà dalla sua mano quello che serve e scarta.
A fine mazzo rimescola quello che ha.
Questa meccanica fa sì che Kodachi parta abbastanza lento, perché il vostro mazzo iniziale sarà povero.
Durante la partita diventerà più temibile così da rendere più facile sconfiggere le guardie e accelerando la partita verso la conclusione.

Il dorso delle carte permette di capire la forza della guardia che andremmo affrontando

Il dorso delle carte permette di capire la forza della guardia che andremmo affrontando

Un gioco legato alla “fortuna”?

Probabilmente è un gioco legato al caso. Tuttavia vengono offerte tutte le informazioni per poter gestire il rischio, come indicare in rosso le guardie più temibili.
In base alla carte, e al loro valore, potete decidere in che modo affrontare le guardie e quando valga la pena non sfidarne un’altra.
Questo sistema, visto in molti altri giochi, da Catan a Risiko, è chiamato push your luck (qualcosa, come “crea la tua fortuna”).

wp-1606380305744.jpg

In conclusione

Kodachi è un gioco di carte di Fever Games sulla scia del gioco da tavolo Ninjato.
Per apprezzare questo titolo non bisogna essere fan del Giappone, sebbene, anche grazie alla grafica, un po’ si senta la sfida di affrontare delle guardie.
Il gioco secondo noi può diventare un paradigma della meccanica deckbuilding su cui si basa.
All’inizio parte lento, complice le carte e magari l’alto costo delle carte Palazzo che escono.
Tuttavia presa confidenza su quanto sia opportuno rischiare e acquistate le prime carte, il gioco gira veloce.
In effetti alcune carte consentono di prendere dei Segnalini Clan che consentono punti e la cui disponibilità regola le condizioni di fine gioco.

Amanti delle scommesse

Il fattore casualità si sente e l’opportunità di “sfidare una guardia in più” ne fa quasi un gioco d’azzardo.
Come più volte ribadito, non tenete in considerazione o scartate questo gioco solo per l’ambientazione. E’ leggermente percepita.
Se amate i giochi di carte collezionabili, la meccanica deckbuilding in qualche modo ci si avvicina senza rovinare le vostre finanze.

Una situazione di gioco: in alto le carte Palazzo, in basso quelle Guardia

Una situazione di gioco: in alto le carte Palazzo, in basso quelle Guardia. Sono state sconfitte tre guardie.

Ninja, samurai e bushido

Non siamo grandi esperti in materia. Possiamo dire che il ninja all’epoca era una specie di criminale, di bandito. Un’altra cosa il samurai, un uomo legato a un codice cavalleresco rigidamente declinato nel bushido.
Quello che sappiamo per certo è che mentre in Occidente questa “nobiltà d’animo” si sta piano piano perdendo, è invece ancora un pilastro della società giapponese.
Per questo a volte il loro senso dell’onore è così difficile da capire per noi.
La nostra esperienza è  che il rapporto samurai – daimyō, che era in vigore in età feudale, è oggi spesso presente nei rapporti lavorativi e nelle gerarchie aziendali.
Chi vuole approfondire questi concetti può leggere ad esempio Hagakure.

getyourfan

Se invece volete rimanere sul pratico, acquistata la vostra lama da Get Your Fun.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code