Il gioco adatto: le 5 domande da porsi

Vi siete sorbiti una lunga lista di recensioni e consigli tattici. Quindi sicuramente, e dico sicuramente, siete sulle tracce per cercare il gioco adatto per voi e i vostri amici. Questa volta la Redazione di Volpe Giocosa si è fata in quattro..anzi in 5… per tirare fuori, appunto, 5 sintetiche domande: quando avrete una risposta per ognuna di loro, sarete in grado di scegliere il gioco adatto a voi.

9379813470_8f9c64dcc1_k

  1. Chi giocherà a questo gioco?

    La tentazione più grande è scegliere il gioco che più vi piace. Può però succedere che questo titolo non incontri il favore dei vostri amici o la loro esperienza. Morale? Il gioco rimane a prendere polvere, con malumore diffuso annesso. Cercate di capire che genere tira di più (cooperativo, strategico, economico…) e cercatene uno dalla complessità adatta all’esperienza dei vostri amici. Per non sbagliare, se siete alle prime armi, scegliete un gioco detentore dello Spiel des Jahres o uno della triade Ticket to Ride, Coloni di Catan e Carcassone.

  2. In che occasione giocherete?

    Quando vi riunirete pe giocare? Dopo cena nel weekend, con ettolitri di birra e teglie di pizza in pancia? Oppure in mezzo alla settimana, dopo una stressante giornata di lavoro? In questi due casi probabilmente un gioco troppo impegnativo non fa al caso vostro. Avete pensato a Coloretto, Saboteur o The Resistance? Quando si è un po’ stanchi, può darsi che un gioco di carte sia la soluzione migliore. Generalmente i titoli di questo tipo sono più leggeri e richiedono un impegno mentale inferiore ad altri giochi.
    Ma se siete belli carichi, allora è il momento di un bel gioco a piazzamento lavoratori o anche un classico Monopoli!

  3. Quante persone giocheranno?

    Alcuni giochi funzionano, o sono costruiti, per un numero limitato di giocatori. Se siete una mandria, non potrete giocare a Catan ed anche Monopoli, probabilmente, sarà troppo lento. In queste occasioni i party game, come Saboteur, ma anche Scotland Yard se siete più tonici, danno il meglio di loro stessi. Al contrario per quanto vi piaccia uno di questi giochi, e qui si torna al punto 1, difficilmente “girerà” bene se il vostro gruppo non è sufficientemente numeroso.

  4. Quanto volete spendere?

    Questa è una domanda trabocchetto. Un gioco con tabellone generalmente si aggira sui 30-40 Eur. Scendono un po’ di prezzo i giochi di carte, qualcosa di più invece, se  la scatola è piena di pezzi. Guardare al prezzo è sempre una buona cosa, ma risparmiare una decina di euro per un gioco che non vi entusiasma, e magari a cui non giocherete, non è proprio una furbata.

  5. Quanto tempo avete a disposizione per giocare?

    Avete trovato il gioco che fa per voi, ma non si conclude mai una partita oppure siete soliti dire “Vabbè, ormai finiamo”. Se arrivate a questo punto, significa non avete tenuto nella dovuta considerazione la vostra soglia di attenzione, o più semplicemente il tempo libero che avete a disposizione. Quindi, forse un gioco da 90 o più minuti non fa per voi, mentre 7 Wonders potrebbe essere la soluzione adatta.

E adesso che conoscete 5 semplici criteri per scegliere il gioco adatto al vostro gruppo, quali sono invece le vostre regole? Come scegliete il gioco che potrà farvi divertire per ore con gli amici?
Fiondatevi sui commenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code