FooTable: un gioco che vi porterà in campo

FooTable è un gioco di Luigi Miele che ci porta su un campo da calcio.

Non è il primo gioco a tema sportivo che vi presentiamo (si veda 4-3-3 e Terzo Tempo), e non sarà l’ultimo.
Questo gioco di Miele, da lui autoprodotto, è un titolo davvero simulativo.
Ci vediamo alle conclusioni per la conferenza stampa.

img_20200203_110220_burned

FooTable
Autoproduzione di Luigi Miele

Da 2 a 6 giocatori. Età 10+

Durata: 90 minuti
Costo: 20 eur incluse le spedizioni


Un gioco autoprodotto che bada sulla sostanza

FooTable arriva in una confezione 45 x 33 x 2 cm.
Un formato un po’ fuori standard, dai colori e grafica un po’ vintage.
Teniamo conto che si tratta di un titolo autoprodotto che non si basa su effetti grafici o componentistica wow, ma sulla solidità del concetto alla base del gioco.
I giocatori sono quindi cubetti, tipo quelli dei giochi german, con adesivi da incollare su 5 delle 6 facce.
Ogni adesivo riporta numero e nome di un giocatore della Roma o del Napoli della stagione 2017-18.
Ci sono poi sei dadi, uno per ciascun reparto di ciascuna squadra.
Ogni allenatore-giocatore dovrà infatti schierare all’inizio in campo la propria squadra con lo schema che gli sembrerà più consono.

Tutto pronto al Volpe Giocosa stadium

Tutto pronto al Volpe Giocosa stadium

Un campo da calcio in scatola

Il tabellone è grande quanto la scatola, così da giocarci bene lasciandolo all’interno.
Non può essere che un campo di calcio, divisi in tanti quadretti-caselle.
Miele, amante forse dei numeri come alcuni di noi, precisa come sia largo 35 e lungo 50 caselle.
Sono precisate anche le dimensioni delle varie zone del campo, come le fasce laterali, la distanza dal punto del calcio di rigore e così via.
Il gioco fa parecchio uso di statistiche, riportate in un regolamento composto da fogli A4 piegati per un totale di 10 pagine.

Un esempio, sintetizzato da Volpe Giocosa, sugli esiti di un calcio di rigore

Un esempio, sintetizzato da Volpe Giocosa, sugli esiti di un calcio di rigore

Ottimo uso delle statistiche

FooTable è stato tenuto conto di ogni possibile azione che possa avvenire durante una partita.
Tiri e passaggi sono ovvi, è chiaro.
Ma in questo gioco si tengono conto anche di falli, rigori e fuorigioco. La divisione del campo riportata sopra è un’ulteriore componente da considerare.
Il regolamento norma tutto e, grazie ai dadi, anche le respinte del portiere e i rimbalzi di pali e traversa sono simulati.
Qui forse il giocatore casuale, magari nemmeno troppo appassionato di questo sport, troverà il tutto un po’ troppo rigido.
Chi invece non ha mai perso un commento di Tosatti ne sarà piacevolmente impressionato.

Le due squadre, Napoli e Roma

Le due squadre, Napoli e Roma

Il flusso di gioco

Non esiste un flusso di gioco normato in turni, ma tutto si svolge, più o meno, in real time.
Il metronomo è il lancio dei dadi che scandisce con che velocità muovere ciascun componente di attacco, difesa e centrocampo.
Da lì si va avanti secondo l’azione che s’intende intraprendere.
Il successo del contrasto, ad esempio, dipende dal confronto fra il lancio dei dadi e un confronto di attacco e difesa.
Ora, una meccanica standard in questi è quella di fare una somma algebrica e verificare su una tabella l’esito, dopo l’applicazione di modificatori.
In FooTable è proprio la coppia di valori che decreta l’esito dell’azione, aiutati da una tabella alla fine del regolamento.
Questa meccanica, da una parte rende meno intuitivo il risultato, che necessità per l’appunto il confrontarsi con la tabella.
D’altra parte permette di avere un’ampia casistica di risultati, così come avviene in un match calcistico.
Ora non è né un difetto né un pregio, ma prende una chiara direzione nei confronti del pubblico di giocatori target.

Un dado per ogni reparto

Un dado per ogni reparto

Possibili varianti

Sebbene il gioco sia rigidamente normato, e anche chiaro nell’esposizione dettagliata, offre aperture per diverse modalità di gioco.
Sebbene lo specchietto iniziale riporti il gioco come per 2 giocatori per 90 minuti, entrambi i fattori sono modulabili.
E’ possibile inserire più giocatori, ad esempio dividendo i reparti fra le persone al tavolo.
Le generose dimensioni del campo di gioco permettono uno smanettamento di più persone in contemporanea.
Anche il tempo di una partita può essere ridotto a seconda dell’esigenza.
Oppure, visto che può esserci del tempo morto per risolvere le azioni, si può pensare di conteggiare solo il tempo effettivo.

Punti da sviluppare

Il gioco è totalmente guidato dai dadi. Non che non ci sia una strategia, ma i giocatori più german potrebbero sentirsi in balia del caso.
E’ anche vero che Miele ha risolto alcune situazioni con astuzia, in modo da mitigare risultati troppo sfavorevoli.
All’inizio è proposto uno schema di gioco, ma bisogna annotarsi da qualche parte lo schema scelto, altrimenti non ci ricorda quale dado guida quale giocatore.
Tuttavia un attaccante che si ritrovi in difesa, ad esempio, non subisce alcuna penalità.
Tutti i giocatori hanno difatti le stesse capacità. Una differenziazione in questo senso aumenterebbe ulteriormente l’aspetto simulativo, magari in aggiunta ad una meccanica di infortuni e sostituzioni.
L’autore ha già fatto alcune valutazioni su questi aspetti che potrebbe implementare in un regolamento futuro.

Il libretto del regolamento

Il libretto del regolamento

Materiale online

Esiste un sito dove acquistare questo gioco e raccogliere informazioni oltre a quelle qui proposte.
Vi consigliamo di vederlo.
L’autore è sempre disponibile a dare informazioni sul suo progetto.

wp-1605182797466.jpg

In conclusione

In un mobdo di Kickstarter da centinaia di migliaia di euro, un progetto come FooTable allarga il cuore.
E’ un prodotto mosso dalla vera passione di un giocatore per altri giocatori.
Nessuna miniatura, come dicevamo, o altri effetti tridimensionali che potrebbe fare gridare al miracolo.
Una solida simulazione calcistica, che posiziona questo gioco da tavolo fra quelli a tema sportiva, che spesso hanno vita dura nel panorama ludico.
FooTable raggiunge un alto livello di dettaglio delle azioni, grazie a statistiche complesse legate al lancio del dado, che possono richiedere qualche partita per masticarle bene.

Wow che effetto scenico

Wow che effetto scenico a Volpe Giocosa

Amanti del calcio

Prima che gli smartphone invadessero le nostre vite, c’erano i videogiochi arcade. Sono quei cabinati con videogiochi immediati, alimentati a monetine, ora apprezzati solo da appassionati.
Spesso questi giochi avevano giochi a tema calcistico.
Ecco, FooTable non c’entra niente con questi videogiochi.
Passione e conoscenza del calcio e amanti delle statistiche. Questo è il target di FooTable.
Aggiungeremo anche amanti della solidità e non dei fronzoli.
Se siete in questo gruppo di persone, anche visto il costo contenuto, il gioco fa per voi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code