Squadro: andata e ritorno per eleganti pedine

Oggi vi presentiamo Squadro di Oliphante, un astratto per 2 giocatori.

Il gioco è uscito 2 anni fa. E’ un di quei giochi di “classe”, sia per l’eleganza della componentistica che della meccanica.
Un astratto totale, con nessuna ambientazione, neppure incollata, come per il cugino Quoridor.
Questo è un aspetto positivo, perché in genere le vie di mezzo funzionano poco.
Alle conclusioni potete muovere le vostre pedine.

squadro_box

Squadro
Oliphante

Per 2 giocatori. Età 8+

Durata: 20 minuti
Costo: 35 eur


Materiale essenziali ed eleganti

Squadro ha caratteristiche simili a tutta questa linea.
La confezione quadrata contiene un tavoliere, una scacchiera, di 26 cm di lato.
Piuttosto spessa, in plastica, tanto da farla pesare 8 etti.
Sulla superficie nera sono incise 10 corsie,  5 orizzontalmente e 5 verticalmente.
Una linea a C delimita quella che sarà la linea di partenza delle pedine.
All’inizio di ogni solco sono disegnati dei puntini, sia all’arrivo che alla partenza.
Sembrano quasi scritte in braille.  Il loro utilizzo sarà visto tra poco.

Tutte le pedine sono schierate secondo le indicazioni, dietro alla linea di partenza. La punta è verso la sponda opposta

Tutte le pedine sono schierate, secondo le indicazioni, dietro alla linea di partenza. La punta è verso la sponda opposta

Le pedine “squadrate”

Le pedine sono in legno, 5 per ciascun giocatore, marroni e bianche.
Difficile spiegarne la forma. Hanno una forma prismatica, con una specie di punta.
Se diciamo tipo ferro da stiro rendiamo l’idea?
Ogni pedina è di circa 3 cm e pesa 4.5 grammi.
Questa “robustezza” e la forma particolare, che forse dà il nome al gioco, consentono loro di rimanere in piedi nel solco del tavoliere.

Secondo il regolamento, questa pedina deve avanzare di 3 caselle, a meno di non incontrare un ostacolo o arrivare alla sponda opposta

Secondo il regolamento, questa pedina deve avanzare di 3 caselle, a meno di non incontrare un ostacolo o arrivare alla sponda opposta

Regole molto semplici, gioco molto riflessivo

Il gioco è molto semplice.
Ogni pedina è posizionata all’inizio dietro la linea di partenza e può solo avanzare nel suo solco-corsia.
I puntini, che sembravano messaggi in braille, indicano in realtà di quanti spazi la pedina deve avanzare.
Arrivata alla fine del percorso, viene girata e avanzerà seguendo le indicazioni dei puntini dello spazio di arrivo.
Vinche chi per primo fa fare a 4 sue pedine il viaggio di andate e ritorno.

La pedina bianca muovendo di un passo "mangia" quella marrone, saltondola. La pedina marrone torna alla sponda da cui è partita

La pedina bianca muovendo di un passo “mangia” quella marrone, saltandola. La pedina marrone torna alla sponda da cui è partita

Tritare le pedine sul proprio percorso

Come indicato nella descrizione del tavoliere, il campo di gioco è una griglia 5 x 5 formata da linee orizzontali verticali.
Se nel suo moto verso la sponda opposta una pedina cascasse sopra una pedina avversaria, questa è saltata come nella dama.
A differenza di questo classico gioco, la pedina “mangiata” non è eliminata, ma semplicemente torna al bordo di provenienza.
Questo è l’elemento di interazione fra i giocatori, con uno studio attento dell’avversario per non essere mangiato e per “organizzare imboscate” a pedine nemiche.
Dal momento che sul tabellone, tramite i puntini, è indicato di quanto si muoverà la pedina, ogni informazione è nota ad entrambi i giocatori.

Un video di Gigamic sulle istruzioni (in inglese)

Risorse on-line

Tutto è già all’interno della scatola.
La natura del regolamento non necessita di segnarsi niente, così da non avere materiali consumabili.
E’ interessante tuttavia sottolineare questa pagina del gioco, dove si possono trovare moltissime informazioni.
Addirittura c’è la possibilità di giocare anche on-line gratuitamente.
Potrete giocare contro il computer, scegliendo tra due livelli di difficoltà, oppure contro un avversario umano.
In questo caso entrambi usano lo stesso computer e si passano il mouse quando finiscono il turno.
Non sappiamo l’effettiva abilità del computer a tenere testa ad un giocatore esperto, ma è una buona palestra per il neofita.

wp-1604395660337.jpg

In conclusione

Squadro è un gioco di Oliphante che lo localizza e distribuisce in Italia.
E’ totalmente astratto, che a molti sembra un difetto.
In Volpe Giocosa lo consideriamo tale quando si maschera dietro un’ambientazione appiccicata con lo sputo.
Questi astratti, soprattutto in materiali “eterni” come questi, ci interessano.
Quoridor ci aveva fatto una buona impressione e Squadro conferma la nostra sensazione.
Il gioco dovrebbe durare 20 minuti, ma si presenta molto a panificazioni tattiche e strategiche.
Un gioco a informazione completa è abbastanza “pericoloso” in mano a giocatori-ottimizzatori.
I tempi morti che bisogna attendere prima che muovano la loro pedina possono bloccare il gioco (paralisi da analisi).

In questo caso la pedina bianca "mangia" due pedine marroni, adirrtiura

In questo caso la pedina bianca “mangia” due pedine marroni, addirittura

Amanti della logica e degli astratti

Scacchi, Quoridor, Triad, solo per citarne alcuni, sono tutti astratti eleganti.
Se amate lanciare dadi, organizzare aste o tutte queste attività introdotte da meccaniche moderne, allora questi giochi vi faranno storcere il naso.
Se invece l’asciuttezza, la logica finegiochi complessi, ma non intricati vi  piacciono, allora Squadro fa per voi.
Provate anche la già citata risorsa online, eventualmente. e poi procedete all’acquisto.
Che sia anche un gioco per #volpinegiocose? Molti utenti di BGG ne sono convinti.

Una situazione di gioco. Sempre un bel colpo d'occhio

Una situazione di gioco. Sempre un bel colpo d’occhio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code