Santa Monica: crearsi il proprio posto al sole

Il titolo potrebbe far pensare a una nota soap opera oppure a qualche politica imperialista.
Niente di più lontano da Santa Monica, gioco recentemente localizzato da Little Rocket Games.
In questo gioco di carte ci sposteremo nella mitica città costiera californiana.

Tempo di lettura 5 minuti

E’ un gioco che attendevamo da un po’, come avevamo anticipato.
Ci è sembrato infatti che, mentre per Calico si fosse focalizzata parecchio, non fosse data a Santa Monica la giusta attenzione.
Eccoci quindi qui per presentarvelo, mentre vi aspettiamo alle conclusioni per un Malibù.

santa-monica

Santa Monica
di Josh Wood
Little Rocket Games

Da 2 a 4 giocatori. Età 14+

Durata: 35-40 minuti
Costo: 40€ circa


L’età minima indicata è 14 anni.
Ok serve un po’ di attenzione e ci sono piccole parti all’interne.
Probabilmente è giocabile anche per ragazzi con un’età inferiore.

Partiamo in quarta con un esordiente a fine partita

Partiamo in quarta con un esordiente a fine partita

Come immergersi in Baywatch

La scatola ha toni pastello e colori morbidi.
Nessuno in Volpe Giocosa è stato a Santa Monica, ma già dal coperchio della scatola ci viene presentata come la immaginiamo.
Toni informali insomma, con un lungomare (boardwalk) su cui si affacciano edifici in in legno, ma anche hi-tech.
Ci sono poi spiagge dove si gioca a beach volley, si fa surf o semplicemente si prende il sole.
Tutto questo con corpi tonici e scolpiti da ore di palestra.
Ok…stiamo andando oltre…torniamo al gioco.

I meeples presenti nel gioco. Il VIP verde lascia delle Impronte nei Luoghi che visita

I meeples presenti nel gioco.
Il VIP verde lascia delle Impronte nei Luoghi che visita

Contenuto della scatola

All’interno della confezione quadrata, trovate un sacco di carte.
E’ questo il principale materiale del gioco.
Ci sono anche un sacco di meeple. Non hanno la classica forma a “stella marina” e sono poco più grandi di quelli di Meeple Land.
Oltre che differenziarsi in tre colori, hanno anche disegnato un accessorio che li rappresenta.
I Turisti avranno quindi una macchina fotografica, mentre i Locali semplicemente degli occhiali da sole.
I VIP sono “nudi” e semplicemente verdi.
Vedremo che, come dice il nome, sono le persone più influenti che frequenteranno il nostro lungomare.
Carini i Dollari di Sabbia, la moneta del gioco.
Sono spessi e pesanti, più di quanto sarebbe stato sufficiente.
Ci sono poi altri due meeple speciali: uno è il Buongustaio e uno il Food Truck.
Il segnalino primo giocatore è un gabbiano: molto californiano, come una certa marca di vestiti.

All'inizio ogni giocatore ha una tessera particolare, che gli fornisce una certa dotazione iniziale. Qusta carta, in realtà un cartoncino, occupa due file e una colonna (come fosse una carta doppia quindi)

All’inizio ogni giocatore ha una tessera particolare, che gli fornisce una certa dotazione iniziale. Questa carta, in realtà un cartoncino, occupa due file e una colonna (come fosse una carta doppia quindi)

Costruire il proprio lungomare di 14 carte

Santa Monica si può definire un posizionamento tessere, dove le tessere sono le carte.
In questo tipo di giochi i punti si fanno in base a come si organizzano le “tessere” del caso (che potrebbero essere anche dadi, come in Sagrada).
Un altro modo per fare punti in questo gioco è distribuire correttamente gli abitanti, secondo tipologia, sulle carte.
Alcune carte infatti danno punti se riusciamo a fare arrivare entro fine partita due turisti a giocare a beach volley.
Questo è chiaramente solo un esempio, dove in realtà Santa Monica offre diverse possibilità che sono carine anche da vedere man mano escono dal mazzo.
Per capire meglio il gioco proiettiamoci in un turno di gioco.

Il Food Truck e il Buongustaio. Si posizionano sotto una carta della fila

Il Food Truck e il Buongustaio. Si posizionano sotto una carta della fila Anteriore. Chi sceglie quella carta ha un bonus, dopodiché sposta il meeple

Come creare il proprio angolo di Paradiso

In Santa Monica viene creata una vetrina comune di carte su due file, l’Anteriore e la Posteriore.
Solo le carte sulla fila Anteriore sono selezionabili dal giocatore di turno.
Dovrà difatti prenderne una da affiancare ad una già presente davanti a sé per formare la trama (pattern) che desidera.
Non ci sono particolari vincoli oltre a questo.
Bisogna solo notare che le carte si differenziano in due gruppi: quelle con la spiaggia e quelle con la strada.
Nel costruire il proprio lungomare, basato su due file, quella più vicino a sé ha gli edifici mentre il mare è sulla fila più esterna.
Ogni carta si differenzia poi in base al “pubblico” che interessa.
Ci sono tipi di luogo per Commercio, Turismo o per gustarsi le Onde.
Non mancano Luoghi che possono soddisfare più di un’aspettativa.
La carta che si va inserendo nel proprio lungomare permette, generalmente, di aggiungere su di essa un certo numero di Persone o di muoverle.
Potrebbero anche fornire Dollari di Sabbia, che permettono di pagare il diritto di azioni speciali.

Il setup (senza gli Obiettivi della partita a fianco)

Il setup (senza gli Obiettivi della partita a fianco)

Far girovagare i propri meeple in base ai loro gusti

Sicuramente in Santa Monica il piazzamento tessere prende buona parte della vostra attenzione.
Ad ogni modo c’è, come dicevamo, anche un discorso legato alla distribuzione dei meeple sul lungomare.
Alcune carte permettono infatti di spostarli, indicando quale tipologia può essere spostata e quanti passi hanno a disposizione.
Come dicevamo l’obiettivo principale è portare laddove servono i meeple per fare punti.
Un meeple speciale è il VIP. Si è dotati di un certo numero di questi meeple in base alla tessera iniziale che abbiamo scelto e ci è capitata.
I VIP desiderano visitare certi tipi di Luoghi, così come descritti nella tessera principale.
Ogni volta raggiungono una carta del tipo richiesto, vi si rilascia sopra un’Impronta per agevolare il calcolo finale del punteggio.

Obiettivi comuni da scegliere a inizio partita

Obiettivi comuni da scegliere a inizio partita

Un gioco per tutti con la possibilità di giocare anche in solitario

Abbiamo fatto giocare questo gioco a una diversa platea di persone.
E’ difficile far passare l’ambientazione in questo tipo di giochi.
Tuttavia la scelta dei colori e della grafica, con alcuni delicatezze qua e là, permettono di trasferirsi con la mente a Santa Monica.
Il gioco è molto vario.
Non lo abbiamo detto, ma a inizio partita viene selezionato casualmente un Obiettivo di Punteggio comune e Tessere Dollaro Sabbia che, dietro pagamento, permettono azioni speciali.
Anche la differente tessera iniziale ci richiede strategie diverse.
Chiunque è riuscito fin da subito a giocare a Santa Monica e ha capito che le carte della vetrina dove si trova il Food Truck e/o il Buongustaio permettono azioni bonus.
All’inizio è un po’ complesso gestire il movimento dei meeple, piuttosto raro durante la partita.
Anche vagliare tutte le possibilità offerte, considerando i diversi obiettivi, comuni e dati dalle carte, richiede un po’ di familiarizzazione.
C’è però un ultimo movimento a fine partita che permette di pareggiare la situazione.

Questi "gettoni" permettono azioni speciali, anziché la scelta della carta, dietro pagamento

Questi “gettoni” permettono azioni speciali, anziché la scelta della carta, dietro pagamento

Partite in Solitario

Un nostro collaboratore ha trovato su BGG questo regolamento per giocare in solitario.
Non c’è in effetti nella scatola un regolamento dedicato.
Il sistema è abbastanza primordiale, dove la Scatola, vista come un automa, sottrarre una carta scelta da un dado dalla vetrina.
Non è il massimo, ma permette di impratichirsi col gioco.

wp-1618343476800.jpg

In conclusione

Santa Monica è un gioco da Little Rocket Games che attendevamo da tempo.
Passato forse più in sordina del gattoso Colocico, anche lui in uscita in questo periodo per lo stesso editore.
E’ un gioco di carte, dove vengono usate come tessere per creare il proprio lungomare californiano.
La grafica, i colori, ma anche i meeple, secondo noi fanno il loro lavoro per portarci in California.
Il gioco è molto semplice da capire, sebbene nel regolamento avremmo usato diversi termini.
Ad esempio le carte le avremmo chiamate Luoghi anziché Caratteristica.
Tuttavia poco conta: nel regolamento ogni elemento è ben citato e non c’è ambiguità.
Il gioco fila liscio e con poche partite si riesce già a creare un decente lungomare.
Più complesso invece fare in modo che ogni meeple raggiunga il luogo desiderato.
Soprattutto perché le occasioni non sono molte e spesso conviene ripiegare sul Buongustaio, che consente uno “spostamento extra”.

Il Dollaro di Sabbia, la moneta del gioco. Molto fricchettone come concetto...

Il Dollaro di Sabbia, la moneta del gioco. Molto fricchettone come concetto…

Chi vuole un gioco con un regolamento semplice, ma non banale

Santa Monica corre veloce, soprattutto nella fase piazzamento tessere come dicevamo.
E’ quindi un gioco semplice, ma che nasconde una buona dose di strategia.
L’interazione ad esempio è bassa. Se si fa attenzione però, si nota che ci vuole un certo occhio nel sceglie la carta dalla fila Anteriore.
Sarà infatti sostituita da quella Posteriore sulla stessa colonna che diventerà così disponibile al prossimo giocatore.
Lo stesso vale per scegliere le carte dove sosta il Food Truck o il Buongustaio.
Buona la varietà del setup iniziale, date dalla diversa tessera iniziale, disponibilità di mosse speciali e Obiettivi.

Se volete acquistare questo gioco, vi consigliamo di rivolgervi a Get Your Fun.
Arrivarci attraverso questo link a te non costa nulla, anzi, ed inoltre aiuterai a sostenere Volpe Giocosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code