Decktective – Lo Sguardo dello Spettro: un investigativo con elementi tridimensionali

Lo Sguardo dello Spettro è un gioco investigativo edito da dV Giochi.




Fa parte della collana Decktective, che al momento include anche Rose Rosso Sangue.
E’ un gioco investigativo, per intenderci di quelli che si giocano una volta sola e per il quale bisogna stare attenti ai dettagli che si condividono.
Chi ci vuole seguire del castello Macduff prosegui alla lettura, il resto della comitiva ci attenda alle conclusioni.

decktective_box

 

Decktective – Lo sguardo dello spettro
dv Giochi

Da 1 a 6 giocatori. Età 12+

Durata: circa 1 ora
Costo: 10 eur circa


Materiale minimal ma tutto quello che serve

La scatolina (12.5 x 9.5 x 2.5 cm) di Lo Sguardo dello Spettro contiene un mazzo di carte.
La prima e l’ultima carta mettono in guardia i giocatori dal non mescolarle e dall’aprire il mazzo nel senso corretto.
Ogni corta è numerata, così da rimettere in ordine il tutto a partita finita, per passare il gioco o rivenderlo.
Le carte vengono usate nel gioco per scopi molteplici. Le prime insegnano a giocare e illustrano il caso da risolvere.
La maggior parte di queste riportano indizi, sotto forma di immagini o testimonianze, per risolvere il caso.
Le dimensioni delle carte sono 85 x 110 mm, così da poterci giocare agilmente senza impicciarsi troppo e goderne la grafica.
Ci sono anche delle graffette per ferma fogli.

La scena del crimine tridimensionale

L’effetto wow di questa collana è la scena del crimine tridimensionale.
Messo il coperchio della scatola a contenere il fondo, il gioco ci darà indicazione di incastrare nelle fessure fra le due parti alcune carte. Sono tre per le pareti, con rappresentazioni dell’esterno e dell’interno, mentre una va sul fondo della scatola come pavimento.
Sarà la rigidezza delle carte o la buona profondità della fessura, ma il piccolo dioroma è rimasto in piedi tutto il tempo.

E' impossibile giocare "male" questa linea. Basta seguire le carte

E’ impossibile giocare “male” questa linea. Basta seguire le carte

Un gioco lineare ma con molte sorprese

Come molti giochi di questo tipo, anche Lo Sguardo dello Spettro è un collaborativo.
Le prime carte vi spiegheranno come giocare. In pratica ogni giocatore prende un certo numero di carte, mentre le restanti formano il mazzo di pesca coperto.
Nel proprio turno, si decide di scartare una carte inutile oppure di condividerne una con gli altri.
Se si vuole calare una carta, si deve verificare che la pila degli scarti contenga tante carte quanto il costo della carta.
Va da sé che le carte che si hanno in mano, finché non sono calate, non possono essere rivelate agli altri giocatori. Il gioco stesso vi spiegherà in che limiti vi potete sbilanciare.
Tutto corre abbastanza liscio, fra gioco delle carta e pesca, con alcuni colpi di scena.

Il ruolo del modello tridimensionale e le domande finali

Il modellino costruito nelle prime fasi non è fine a se stesso. E’ infatti anch’esso parte integrante del gioco, dove bisognare reperire informazioni per poi rispondere alle domande finali.
Alla fine del mazzo, le ultime carte ci chiederanno delle spiegazioni di certi avvenimenti occorsi nella storia e le risposte saranno spesso date dall’incrocio della scena delle crimine con le carte giocate.
Le risposte, a scelta multipla, si segnano con le graffette, così da liberarci da penne e matite.

Non volevamo rovinarvi la sopresa, ma abbiamo visto che l astessa pagina dll'editore offre delle immagini in questo senso. Come vede le carte scenografia sono disegnate ambo i lati

Non volevamo rovinarvi la sorpresa, ma abbiamo visto che la stessa pagina dell’editore offre delle immagini in questo senso. Come vede le carte scenografia sono disegnate ambo i lati

Una storia convincente

La storia de Lo Sguardo dello Spettro ci porta in Scozia, in un castello-museo. Il custode sarà nel panico perché sente dei rumori e non trova più la collega.
Ecco che quindi chiama la squadra dei giocatori per capire l’origine di questi sinistri rumori.
C’è da dire che la copertina della scatola, a parte i quadri, ci ha ricordato più Io Robot che la storia introdotta in “quarta di copertina”.

E’ un caso difficile?

Secondo noi no. Nel senso che dopo un terzo del mazzo avrete a grandi linee capito cosa è successo.
In realtà poi i tasselli non combaceranno tutti fin dall’inizio e alcune cose le capirete solo poco prima della fine.
Altre ancora probabilmente non le considererete. Tuttavia, una volta letta la soluzione, la storia ci è parsa verosimile o che nessun elemento era impossibile da decifrare.
Per darvi un metro di paragone se avevamo commesso un disastro a Sherlock – La Propagazione, qui l’abbiamo azzeccata a un 70-80%.

box_spettro

In conclusione

Lo Sguardo dello Spettro è il secondo capitolo della seria Decktective che dVGiochi ci propone.
Un gioco di dimensioni contenute, con solo un mazzo di carte, per questo gioco investigativo-collaborativo.
Il colpo di scena di questa linea è la scena del crimine tridimensionale, che non ha solo un aspetto decorativo ma è parte integrante del gioco.
Il caso in particolare non è troppo complesso e anche le risposte che non si riescano a dare, si conviene, letta la soluzione, che sono credibili e comunque decifrabili.
Del resto la soluzione stessa è molto dettagliata e prende per mano i giocatori, indicando puntualmente dove erano le informazioni che non andavano tralasciate.

Una vista dall'alto. Le buone dimensioni delle carte consentono una buona resa grafica del diorama

Una vista dall’alto. Le buone dimensioni delle carte consentono una buona resa grafica del diorama

Un costo contenuto per un titolo ben fatto

Se amate gli investigativi e avete giocato con piacere ad altri titoli simili di altri editori, allora anche Lo Sguardo dello Spettro troverò spazio nella vostra libreria.
Siamo sempre lì che si può giocare una volta sola, poi va appioppato a qualche d’uno. Comunque il costo contenuto ne giustifica l’acquisito, sempre se nelle vostre corde il genere.
Per quanto riguarda il modellino 3D, consigliamo di non sottovalutarlo come mera trovata commerciale, ma s’inserisce nel gioco con una sua dignità.


Un biglietto per la Scozia è pronto per voi suGet Your Fun.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code