Cakes!: fra equilibrismo e pasticceria

I giochi di destrezza mettono in crisi il Redattore.
Se la natura gli ha concesso il pollice opponibile, lì s’è fermata.
Ma lo ha dotato anche del senso dell’autoironia. Ecco perché Cakes! Di Little Rocket Games può andare bene anche per lui.

Tempo di lettura 4 minuti

Cakes! è arrivato in Italia prima delle vacanze natalizie.
Per questo, mentre scriviamo, siamo sicuri che molti di voi lo hanno già in libreria.
Del resto è il classico gioco “a zero regole” che potete intavolare in ogni occasione.
La semplicità di Cakes! Lo rende anche adatto ai bambini, con delle accortezze che vi indicheremo. Addentriamoci adesso in questo gioco di pura destrezza.
Alle conclusioni qualche consiglio, come riporta anche il regolamento, per giocare con i più piccoli.

Per chi va di fretta
  • Un gioco di destrezza adatto a tutti
  • Ricorda un po’ i castelli fatti con le carte francesi: occhio a non farli crollare
  • Materiali con nessuna necessità di essere “catalogati”
  • Nel giocare con i bambini bisogna tenere conto hanno manine più piccole
  • I pezzi si sparpagliano ovunque. E’ un problema? No, è la parte divertente.

Cakes!
di Juan Carlos Ruiz
Little Rocket Games

Da 2 a 4 giocatori. Età 5+

Durata: circa 20 minuti
Costo: lo trovate su Get Your Fun


Ricordi di famiglia

Quando il Redattore era piccolo c’era una torta che si faceva in casa. Una volta fu eletta anche a torta di compleanno.
Fu un anno che un’influenza, ordinaria, non permise al vostro blogger preferito di fare la classica festa con gli amichetti.
Rubando la scena ad un altro blogger, grande chef, la ricetta della torta era questa.
Si comprava il pan di spagna a piani. Si prendeva un piano e si spalmava con la crema. Poi si posava il piano di pan di spagna successivo e così via.
Alla fine si ricopriva tutto di cioccolato.
Il vantaggio della torta era che anche il vostro affezionato poteva contribuire a realizzarla, data la semplicità.
Di questa storia tenete a mente il susseguirsi dei piani di torta: sarà utile per capire Cakes!

Avremmo voluto farvi vedere la torta a 10 piani, ma niente.
Eccovi una composizione artistica

Dischi volanti? No, piani di torte

Molto semplice la confezione. Cakes! Si presenta infatti in una scatola quadrata, sufficiente ad ospitare dischi di cartone del diametro di 14 cm.
Quattro di loro sono Piatti, uno per ciascun giocatore.
Gli altri dischi sono piano di Glassa, a gruppi con motivi diversi che ricordano gli stili di torta più famosi.
Un ultimo disco è il tappetino del campanello.
È questo il tipico aggeggino metallico che fa “ping” quando lo colpisci in testa.
Lo si usa in ristorazione quando un piatto è pronto, così che possa essere servito. In Cakes! ha lo stesso ruolo.

Tutto comincia coi Piatti

Un po’ di attività manuale alla prima partita

Nella scatola trovate un’ottantina di elementi di cartoncino rettangolari da piegare in due. Sono le Farciture.
Sono elementi molto rigidi, quindi, dopo questa operazione, rimarranno piegati con un angolo di fra i 30 e 60 gradi.
Prendete poco in giro: una certa abilità ingegneristica potrebbe essere utile. In fondo alla scatola trovate un sacchetto di cubetti alla german in differenti colori.
Gli obiettivi di Cakes!, invece, sono scanditi da un mazzo di carte che indicano di quanti piani la torta deve essere alta.
È associato anche il punteggio in caso di successo.

Le carte Ordine indicano i piani che la torta deve avere

Tutta questione di equilibrio

Maniaci dell’ordine rilassatevi. Qui nessun giocatore ha un colore assegnato.
L’importante è partire con un Piatto, avere 10 Glasse e il doppio numero di Farciture.
Si parte tutti con un Piatto in mano, steso sopra il palmo della mano e si cerca di comporre una torta con l’altezza richiesta dalla carta Ordine di turno.
Potrebbe essere necessaria una ciliegina (cubetto) sopra.

La torta è pronta? Premi il campanello!

Come creare la torta più alta del mondo

La logica di impilamento è molto semplice.
La base è il Piatto e non si scappa. Aprendo bene il palmo della mano, fornendo supporto con i polpastrelli, il Piatto sarà le fondamenta della torre di piani di torta.
Sopra andranno messe in piedi due Farciture e infine un disco, una Glassa, a “tappare”.
Questa è “l’unità atomica” di Cakes!. L’abilità sta proprio nel vedere crescere la propria torta.
Se si soddisfa l’Ordine si suona il campanello e si prende la carta: farà punti a fine partita.
Se nell’opera crolla tutto…eh, o si riparte dalle macerie o direttamente dal piatto vuoto.

L’unità “atomica” di Cakes: disco, due Farciture, disco

Sempre più difficile siore e siori

La chiave del gioco è nell’impilamento successivo dei piani sulla torta.
Risolto l’Ordine, non si riparte da zero a meno di crolli, ma si continua su quanto già edificato.
Questo porta anche alla possibilità di fare cappotto (rubando un vocabolo dal gioco delle carta da bar).
Infatti, se teoricamente bisognerebbe aspettare di finire gli Ordini e contare i punti, basta che un giocatore raggiunga il decimo piano e diventa il pasticcere dell’anno.

I più capaci potranno cimentarsi con le regole avanzate, che includono nuovi Ordini

Un auto-equilibrio…meccanico

Una cosa stupida, ma che ci ha sorpreso.
Il gioco si auto equilibra. Più piano si impilano, più la torta-torre diventa instabile.
È vero che il giocatore con la torta più alta è più vicino alla vittoria, ma sicuramente sarà più lento per evitare un crollo.
Automaticamente chi è rimasto indietro può recuperare.
Se poi la velocità non è il vostro forte, basta seguire la via che porta ai 10 piani andando del vostro passo.
Per inciso le abbiamo provate tutte, giocando su apertura e posizione delle Farciture.
Niente da fare. Dieci strati è un obiettivo che richiede una destrezza che non è nelle nostre corde.

Il gioco è ovviamente indipendente dalla lingua. Sebbene il retro non sia in italiano, il regolamento lo è

In conclusione

Cakes! è un gioco pensato per tutti, in particolare anche per includere bambini.
Può risultare però che i dischi siano troppo larghi per le manine delle volpine giocose. Che sia concesso loro di poggiare il piatto sul tavolo.
Tenete conto poi che un piano della torta si aggira sulla decina di centimetri.
Come dicevamo serve un po’ di abilità in quanto si gioca in pratica con una mano sola.
Sempre per i manici dell’ordine, tenete conto che i crolli sono frequenti e spargono Farciture e Glasse su tutto il tavolo e anche sul pavimento.
Un consiglio: rilassatevi, state giocando e forse, il trambusto dei crolli, è proprio la parte divertente.

Volpe Giocosa è un partner di Get Your Fun.
Iscrivendovi e acquistando con il nostro link supporterete Volpe Giocosa, senza nessun costo da parte vostra.
Anzi, potete usufruire dei vantaggi elencati sul sito del nostro partner.

14 Gennaio 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code