Detective Club: caccia alla spia attraverso le figure

Siamo stati contattati da Playagame Edizioni per l’imminente uscita del loro prossimo titolo: Detective Club.
L’uscita è prevista per lunedì 9 Marzo, quindi probabilmente sarà già nei negozi quando leggerete questa recensione. Quindi sbrighiamoci e vediamo come è questo party game.

DG_scatola

Il materiale all’interno della scatola

DG_materiali

Al momento ci possiamo basare solo sul materiale messo a disposizione dall’editore, dal momento che non abbiamo sotto mano una copia fisica di Detective Club.
Il contenuto della scatola sembra alquanto abbondante, considerando la categoria di gioco. Ovviamente per lo più sono carte disegnate (vedremo la qualità del materiale), ma ci sono anche altri elementi graziosi.
Le lenti di ingrandimento, ad esempio, da usare come segnalini danno un buona impressione sulla cura dei dettagli.
Detective Club comprende l’uso di taccuini, che ci fa piacere possono essere soppiantati da una più comoda app (notizia che fa felice il Redattore che è contrario all’uso di “consumabili” per i giochi nel suo scaffale).
Come detto, il contenuto è principalmente basato su un set di carte con disegni onirici, che subito fanno pensare al blockbuster Dixit.

Dixit in salsa Detective?

carte_DG

La lettura del regolamento, che da tradizione non riassumiamo qui, ci conferma l’intuizione che avevamo.
Tuttavia, nel coinciso ma chiaro pdf, troviamo alcuni elementi di novità.
La platea dei giocatori si divide casualmente, e senza svelare la propria identità, in Spie e Detective.
Sostanzialmente il Giocatore Attivo calerà delle carte che dovranno riferirsi ad una parola segreta, che i Detective conoscono, mentre la Spia no.
Accadrà che la sbirraglia giocherà a sua volta carte “a tema”, mentre il losco figuro dovrà cercare di non farsi scoprire, provando a intuire il soggetto in questione e giocando carte a sua volta.
A fine manche ci sarà la resa dei conti, con attribuzione del punteggio.
L’elasticità del regolamento, che permette varianti, promette di aumentarne la longevità.

In definitiva

Detective Club ha tutte le carte in regola per essere un buon party game. I party game sono quei titoli che il Giocatore Inesperto può tirare fuori quando ha un pubblico non specialistico e facilmente annoiabile.
Questo titolo potrà salvarvi in queste serate e il severo BGG lo conferma con un 7,4.
Potrete quindi giocare da 4 a 8 giocatori per un 45 minuti, anche coinvolgendo giovani giocatori (siamo di fronte ad un regolamento di 4 pagine).
Il prezzo allo scaffale è di 35 eur.

Get Your Funè pronto con una copia per voi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code