Parole in Gioco: l’unboxing

Da quando abbiamo iniziato a proporvi i nostri unboxing unplugged, ci siamo sempre concentrati su titoli abbastanza corposi.
Alcuni era per famiglie (categorie family e family plus).
Oggi invece vi proponiamo un gioco per i più piccoli: Parole in Gioco.

Tempo di lettura < 1 minuto

Non proponiamo l’unboxing di tutti i giochi che passano per Volpe Giocosa.
Ne selezioniamo alcuni che, per qualche motivo, ci hanno incuriosito.
La linea proposta da questo editore, e da Ludic che si occupa invece di una categoria più family, è sempre molto curata.
Parliamo sia del packaging, molto spesso a valigetta, così amato dai bambini, che dal contenuto.

Nessuno spreco di carta

Ci sembra che Headu mostri anche una certa attenzione alla sostenibilità.
Le parti in plastica sono minimizzate, quando del tutto assenti.
Anche i cosiddetti “consumabili”, come i foglietti in blocchetto, sono generalmente sostituiti da lavagnette con pennarelli ad acqua.
Nel caso proprio di Parole in Gioco le lavagnette sono quadrettate, così da essere ancora più familiari alle volpine giocose.

Materiali pensati per i bambini

Non siamo esperti di sicurezza e in Volpe Giocosa non ci sono genitori (sebbene ci siano zii e zie provetti).
Ci è sembrato comunque che il design dei componenti sia allineato all’età dei Baby Giocatori.
Elementi di grandi dimensioni quindi, facilmente maneggiabili anche dai giocatori più goffi.
Inoltre non abbiamo visto nessun tipo di rischio legato al soffocamento e i pennarelli ad acqua non permettono di fare danni.
Tutte caratteristiche che possono piacere ad un adulto.

L’unboxing unplugged di Parole in Gioco

Vi lasciamo quindi con il nostro unboxing, dove, in un articolo che uscirà a breve, lo correderemo con foto.
Ci sarà poi anche riportata la nostra esperienza e quella delle Volpine Giocose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code