Xian: lode eterna all’imperatore

Oggi Volpe Giocosa vi porta a Xi’an (Xian per gli amici) per costruire con i vostri avversari il mausoleo dell’imperatore, con il famoso esercito di statue di terracotta. Questo titolo, edito da Pendragon Game Studio che ringraziamo per la copia, è uno strategico travestito da filler. Leggete la recensione e capirete perché.

xian_scatola

Xi’an
Pendragon Game Studio

Da 2 a 4 giocatori. Età 14+
Durata di una partita: 30 / 60 minuti
Prezzo: 40 Eur circa

Un sacchetto di soldatini!

Ormai non ci inteneriscono più pedine e pedinette. Ma come si fa a non fare gli occhi a cuore davanti ad una bustina di miniature di guerrieri cinesi, sopratutto se di una grandezza che permette di tenerle comodamente in mano? Questo offre Xian, insieme a un tabellone che ricorda lo stile minimal orientale. I guerrieri di terracotta sono il fulcro di tutto il gioco, ma poi esistono anche altre opzioni per vincere.

20180114_173312

Diverse meccaniche in azione

Per come l0 abbiamo vista noi ciascun giocatore impersona il responsabile di due capomastri, di un set di aiutanti e di un supervisore. L’imperatore paga in prestigio, non in denaro. La sua benevolenza si ottiene costruendo statue con l’argilla, colorandole con i pigmenti e comprando rifiniture, come balestre e carri, pagandole in monete. Anche il supervisore che costruisce il mausoleo porta punti, ma più che altro permette abilità speciali una tantum.
La gestione della mano di carte permette di stabilire l’ordine di turno e raccattare risorse. Posizionando i capomastri negli edifici si compiono le azioni di cui sopra, mentre una logica di controllo territorio, legata alle proprie statue costruite nella fossa, permette di acquisire punti finali. Questo non è per riportare il regolamento,  ma per dire quante meccaniche troviamo in un solo titolo!

20180113_215800Diverse strategie per guadagnare prestigio

I punti prestigio possono essere accumulati in diversi modi, generalmente dando il proprio contributo a costruire l’esercito di terracotta. La fossa dei guerrieri è costituita in 3 diverse sezioni, ciascuna delle quali di maggior prestigio rispetto alla precedente. C’è un potente bonus per chi a fine partita controlla la maggioranza di una sezione di fossa, come si diceva la paragrafo precedente. Ecco che in 2 giocatori ciascuno tallonerà l’avversario al fine di non fargli prendere la supremazia in un territorio. In 4 giocatori si fa sentire invece l’ordine di turno, dove non vorremo che le azioni migliori siano prese dagli avversari. In 6 turni poi, per 12 giocate complessive, non c’è tempo di fare tutto e qualcosa dovremmo sacrificare per forza.

Costruire statue, ok, fa conseguire punti, ma mette anche carne al fuoco che può essere dipinta dal nostro avversario. 20180113_224422Certo anche dipingere non ha molto senso se non si riesce a fare massa critica in una fossa. Vedete che le considerazioni che porta a fare Xian sono molteplici, per questo dicevamo che la componente strategica è elevata.

In breve

Ripetiamolo: Xian è un gioco di durata contenuta ma strategicamente profondo, che si spiega in poco tempo. Scala bene sia in 2 che 4 giocatori, mostrando aspetti diversi in base al numero di giocatori presenti al tavolo. E’ sicuramente un titolo di cui risentiremo parlare in questo 2018.

I commenti sono chiusi.