Symphony: un gioco che è una sinfonia

Symphony è un gioco di Doppio Gioco Press dove dovremo dirigere un’orchestra.




L’editore è lo stesso che abbiamo conosciuto per Campus Cafè, gioco con il quale ha punti in comune.
Abbiamo avuto modo di partecipare ad un’intervista all’editore durante la versione digitale di Roma Est in Gioco del 2020.
Chi volesse seguirci in questa overture vada avanti, oppure ci vediamo al foyer per le conclusioni.

CatturaSymphony
Doppio Gioco Press

Da 2 a 6 giocatori, Età 12+

Durata: 30-60 minuti
Costo: 45 eur


Materiali di qualità, come l’editore ci ha abituato

Ok, non c’è una tonnellata di meeple risorsa, che mettono sempre allegria, come in Campus Cafè.
Tuttavia anche in Symphony troviamo una certa cura del materiale.
Partiamo dal tabellone, che grazie alla chiara iconografia, rende più facile assimilare e ricordare il regolamento.
E’ double face, con la faccia da scegliere in base al numero dei giocatori.
Sempre di buona qualità i cartoncini Fogli Spartito. Sono di grandi dimensioni per essere, se vogliamo una plancia secondaria.
Sono infatti 30 x 21 cm e l’essere anch’essi fronte-retro permette più combinazioni per il setup.

Le carte Strumento

Le carte Strumento

Un sacco di carte

Ci sono poi tantissime carte, queste di dimensioni ridotte.
60 sono solo le carte Strumento, che includono anche il Coro, che dovranno trovare posto negli spazi sul tabellone.
Ogni giocatore dispone poi di un set di segnalini in legno, in puro stile german, del colore che ha scelto.
Oltre al meeple a forma di direttore di orchestra e alla marea di altri segnalini, una menzione speciale vanno alle bacchette del direttore di orchestra.
Sono due e, sebbene hanno un ruolo limitato nel gioco, lo completano con eleganza.

Tremendamente German

Tremendamente German

Un gioco dove dobbiamo entrare piano piano

Regolamento Completo e Introduttivo

Rispetto al cugino Campus Cafè, Symphony è un po’ più complesso.
Il regolamento è disponibile sia in italiano che in inglese.
In 20 pagine il Regolamento Completo, con l’uso di colori dedicati per fasi e parole chiave, illustra il gioco nella sua completezza.
Mostra, inoltre, come arricchire in gioco tenendo conto delle possibili varianti (come Pubblico Esigente od Orchestra Progressiva).

Alcuni elementi se posizionati in modo corretto (vedi la mezzaluna gialla che combacia con quella su tabellone), si dice "essere posizionato correttamente"

Alcuni elementi se posizionati in modo corretto (si veda la mezzaluna gialla che combacia con quella su tabellone), si dice “essere posizionato correttamente”

Non ci sono particolari “buchi”, ma proprio le scelte tipografiche prese rendono il tutto un po’ confusionario, come avevamo visto in Campus Cafè.
Tuttavia si riesce a digerire dopo un paio di letture.
L’editore comunque mette in campo anche un Regolamento Introduttivo di 8 pagine scarse. Questo permette di giocare davvero subito.
E’ una modalità che permette di prendere confidenza con le carte, con le loro icone e come si fanno punti posizionando le Pedine Giocatore dalle Carte Strumento ai Fogli Spartito.

Il tabellone con gli spazi per le Carte Orchestra e i vari tracciati. Notate che le colonne sono indicate con le lettere dell'alfabeto

Il tabellone con gli spazi per le Carte Orchestra e i vari tracciati.
Notate che le colonne sono indicate con le lettere dell’alfabeto

Una panoramica di gioco

Dopo una o più partite seguendo i dettami del Regolamento Introduttivo, vorrete giocare al gioco completo.
Magari ci andrete piano con le varianti all’inizio, ma fin dall’inizio il Draft degli Strumenti è consigliato.
Significa che sostanzialmente le Carte Strumento circolano fra i giocatori con la meccanica del draft, che ha reso celebre 7 Wonders e abbiamo spiegato in Draftosaurus con un paragrafo dedicato.

Il tabellone "secondario" è comunque di dimensioni notevoli

Il tabellone “secondario” è comunque di dimensioni notevoli

Alla fine i giocatori disporranno gli strumenti negli stalli del tabellone, prendendone possesso con una Pedina Giocatore.
Tralasciamo qui tutti i dettagli sulle abilità speciali e altri aspetti che rendono questa fase forse la più strategica della partita.

Le bacchette indicano gli spazi che possono essere rimepiti. Ora si sta svuotando la colonna A degli strumenti, così da rimpeire queste battute. Forse superflue, sicuramente carine

Le bacchette indicano gli spazi che possono essere riempiti. Ora si sta svuotando la colonna A degli strumenti, così da riempire queste battute. Forse superflue, sicuramente carine

Suonare gli strumenti

Si passa a poi suonare le Carte Strumento e le Pedine Giocatore si spostano dal tabellone ai Fogli Spartito.
Questa fase l’avrete appresa nel Gioco Introduttivo.
Il piazzamento delle pedine e l’ordine con cui gli strumenti suonano dipende dalle loro caratteristiche.
Non ce ne vorranno gli esperti di musica, ma il Foglio Spartito può essere visto come una tabella che viene riempita per colonne e righe.
A seconda delle varie maggioranze in ciascuna area, si ottengono punteggi nelle fasi intermedie.
Il calcolo del punteggio della fase finale, una volta che i Fogli Spartito sono completi, dipende più che altro dalle varianti scelte.

wp-1603177949826.jpg

In conclusione

Symphony è un gioco di Doppio Gioco Press ambientato nel mondo della musica da orchestra.
Il comparto grafico è affidato a Marina Fischetti e Bartłomiej Kordowski, che confermano l’ottimo lavoro fatto in Campus Cafè.
Rispetto a questo titolo, Symphony richiede un impegno maggiore. Come detto anche durante la videointervista Roma Est in Gioco, “bisogna attaccarlo per gradi”.
Si parte col Regolamento Introduttivo per passare al Completo, introducendo varianti a seconda dei gusti  e dell’esperienza. Un plauso alla modularità del gioco.
Lo stesso editore, nella già citata intervista, sottolinea come effettivamente il regolamento sia migliorabile.
Probabilmente è così, ma solo nella scrittura e nelle scelte tipografiche.
Il gioco in realtà, una volta presa confidenza con i vari simboli, scorre tranquillo anche grazie all’intuitiva iconografia del tabellone.

Elegante la pedina primo giocatore

Elegante la pedina primo giocatore

Sicuramente per amanti di musica

In Volpe Giocosa siamo delle capre. Per questo Symphony ci sembra per lo più un astratto.
Chi invece ha una sensibilità musicale, troverà in questo gioco di Angelo Tonin diversi richiami al mondo della musica.
Non è un prerequisito per avvicinarsi al tavolo, visto che il regolamento spiega ogni termine.
Conoscere però prima duine, crome e non chiamare il diesis cancelletto, permette forse di entrare in sintonia prima col gioco e di apprezzarlo di più.
C’è stata l’attenzione di sezionare il regolamento in diverse fasce di difficoltà, ma il Giocatore Inesperto deve comunque portare un po’ di pazienza.

Questi elementi richiedono di avere preso confidenza col gioco prima di essere introdotti

Questi elementi richiedono di avere preso confidenza col gioco prima di essere introdotti

 

I commenti sono chiusi.