Lancilotto: in uscita a Lucca Comics & Games

Udite, udite: Mario Papini esce con un nuovo titolo. Troverete infatti Lancilotto a Lucca Comics & Games 2017, in una collaborazione con Ghenos e Ergo Ludo. Per i più distratti, stiamo parlando dello stesso autore di una perla come De Vulgari Eloquentia. E’ chiaro quindi che le aspettative siano alte.

lancillotto componenti

A giro per Camelot e dintorni

De Vulgari è un titolo abbastanza complesso, seppure appagante. Lancilotto, di cui disponiamo solo del regolamento e poc’altro, ci sembra a prima vista più leggero.
Nel tabellone principale del gioco troviamo un percorso attraverso la regione dove la storia è ambientata, che ci porta fino al castello di Re Artù. Da 2 a 4 giocatori potranno avanzare lungo il percorso, svolgendo le azioni che vengono offerte. Attenzione, possono avanzare quanto vogliono, ma mai tornare indietro. Dal momento che chi prima arriva al castello sceglie il bonus che preferisce, la domanda è: andare veloci per arrivare primi o fermarsi e fare tutte le stazioni?
I posti da visitare offrono anche loro bonus: si passa dalla Dama del Lago (con annessa Excalibur) fino alla Tana del Drago, senza dimenticare la residenza di Galahad o Morgana e infine anche la ricerca del Santo Graal. In tutto si possono visitare 11 Luoghi differenti.

mappa

Il Primo Cavaliere

Questo è lo scopo che ogni giocatore si deve prefissare: raggiunger il maggior punteggio in termini di Punti Virtù (PV). Le Virtù in gioco sono le classiche a cui un cavaliere deve aspirare: Compassione, Destrezza, Iniziativa, Gentilezza, Eroismo, Forza, Onore e  Carisma. I PV si ottengono anche attraverso il possesso di armi, magie o con una spinta di Lady Ginevra.
Facendo anche qui un paragone con De Vulgari, si può dire che ci sono anche qui diverse strade per arrivare alla vittoria, con diverse linee da seguire a seconda della strategia intrapresa.

tavola

La prima impressione in breve

E’ vero che i dati in nostro possesso sono pochi, ma ci sembra che i presupposti per un ottimo gioco ci sono tutti. Mario Papini è un autore che non pubblica tantissimo, ma che tuttavia pubblica bene. Come prima impressione ci sembra che alcune meccaniche siano riprese dall’opera magna De Vulgari Eloquentia e che in questo Lancilotto siano state snellite. Non mancano tuttavia elementi di novità, come la non possibilità di tornare indietro nel tracciato.
E’ un titolo che a Lucca farà sold-out? Manterrà le promesse. Volpe Giocosa sicuramente lo monitorerà. Chissà in una recensione…

I commenti sono chiusi.