Hedgehog Roll: acchiappare i frutti del bosco

Hedgehog Roll (Riccio che rotola) è un gioco edito da Dal Tenda dedicato ai più piccoli.




Rispetto alla media dei giochi sul mercato per questa fascia d’età è un titolo diverso.
Probabilmente sono state queste innovazioni che gli hanno permesso di vincere il Kinderspiel des Jahres del 2020. Questo è un prestigioso titolo, forse il più importante a livello mondiale, equivalente allo Spiel des Jahres, ma dedicato ai giochi per i più piccoli.
Se siete di fretta, rotolate alle conclusioni.

Hedgehog-Roll

Hedgehog Roll
Dal Tenda

Da 1 a 4 giocatori. Età 4+

Durata: circa 25 minuti
Prezzo: 25 eur circa


Sebbene la scatola consigli di partire dai 4 anni, in realtà, un adulto che guidi i bambini, almeno nelle prime partite, è indispensabile. Comunque è un fattore comune quasi a tutti i giochi di questo tipo. Viceversa, alcune meccaniche diverse dal solito, possono incuriosire gli stessi adulti.

Disposizione per modalità collaborativa

Disposizione per modalità collaborativa

Gioco coloratissimo, che cattura i bambini

Già la copertina del gioco è divertente: un riccio rotola su prato inseguito da una volpe e cerca di arrivare a casa. Sul suo percorso si intravedono mele, funghi e altri prodotti del bosco.
La scatola è colorata anche all’interno, cosicché anche il tipico inserto che restringe l’interno, è disegnato.
Il contenuto è formato da plance di cartone con rappresentati dei sentieri nel bosco, più alcune speciali.
Una fustella raccoglie li elementi in velcro che dovrà raccogliere il riccio.
Ci sono anche dei meeple raffiguranti ricci, uno per giocatore, e una volpe.
Teniamo il colpo da maestro per la fine: una pallina da tennis un po’ più piccola.

Il riccio-palla, fulcro del gioco

Il riccio-palla, fulcro del gioco

Arrivare a casa il prima possibile

In Hedgehog Roll lo scopo del gioco è arrivare a casa il più velocemente possibile. Dal punto di partenza alla casetta possono esistere diversi sentieri, che si possono comporre diversamente ad ogni partita grazie alle plance numerate.
Il punto di forza del gioco è dato dal sistema per muovere il proprio riccio nel bosco.
Gli elementi di velcro sono disposti sul tavolo in ordine sparso. Il giocatore dovrà lanciare il riccio appallottolato  (la pallina) sul tavolo e raccattare più risorse possibili.
Il gioco poi ha delle regole per evitare di portare a casa troppa roba, contro disposizioni “furbe” delle risorse.
Ad ogni modo, incassate le risorse, queste vengano sostanzialmente usate per pagare gli spostamenti del riccio. Ogni casella del percorso verso casa, una specie di labirinto, deve essere pagata con la propria risorsa.

Come il riccio raccoglie le risorse in velcro

Come il riccio raccoglie le risorse in velcro

Diverse modalità

Il gioco comprende due modalità simili tra loro. In quella competitiva, ogni giocatore muove il suo riccio, mentre in quella cooperativa c’è solo un riccio da salvare, inseguito da una volpe.
Questa si muove di due passi alla volta verso il riccio e fa perdere i giocatori se lo raggiunge.
E’ chiaro che questa modalità, che permette anche di evitare litigiosità tra i bambini, consente il gioco in modalità solitaria.

Il retro della scatola

Il retro della scatola

In conclusione

Hedgehog Roll è un gioco portato in Italia da Dal Tenda che ha già conseguito premi e nomination, fra cui l’ambito Kinderspiel des Jahres.
Se vogliamo essere precisi, rifacendosi all’opera di Bell, è un Race Game.
E’ infatti un titolo pensato per i più piccoli, che ha qualche elemento in più rispetto alla media di mercato. Sicuramente il plus è dato dalla pallina raccogli risorse che fa divertire un sacco in bambini. In realtà suscita ilarità anche nei più grandi, ma quest’aspetto richiede un discorso a parte.
I materiali sono parecchio curati nella grafica e nei colori, dimostrando un ottimo lavoro editoriale.
E’ un gioco che richiede di dosare la forza con cui si gioca, una competenza che i bambini hanno a volte difficoltà ad ottenere. Questo gioco può essere uno stimolo.

Disposizione suggerita per la prima partita in modalità competitiva

Disposizione suggerita per la prima partita in modalità competitiva

Le difficoltà di creare un gioco per bambini

Non è banale progettare un gioco per bambini, come riportava Spartaco Albertarelli in un corso su Tambù. Il playtesting, ovvero le partite fatte con il gioco prototipato per vedere come funziona, è difficile farlo con i bambini. Si può ottenere un loro feedback solo in maniera diretta e, molto spesso, il gioco passa dall’interpretazione dei genitori.
Inoltre ogni anno che passa l’autore aumenta la sua distanza anagrafica dal suo pubblico target.
Questa piccola parentesi per dire che ci sembra superficiale snobbare questa categoria.

L'interno della scatola

L’interno della scatola

Perchè funziona

A nostro modesto parere, Hedgehog Roll fa egregiamente il suo lavoro con clienti così difficili come i bambini. La grafica infatti è curata, con immagini grandi e colorate.
Del resto le #volpinegiocose sono molto esigenti.
Il gioco ha una durata contenuta, come l’attenzione del pubblico a cui è rivolto.
E’ semplicissimo e richiede una componente “motoria” stimolante.
L’unico problema è forse predisporre l’area di gioco in modo che i bambini non possano fare danni.
Inoltre, nella modalità cooperativa, probabilmente un adulto dovrà guidare la volpe.
I bambini tendono poi ad annoiarsi facilmente, ma le plance componibili e due modalità di gioco aumentano la longevità della scatola. Le due modalità, e comunque un regolamento che può essere “sezionato”, permette all’adulto di adattare il titolo, come un giocattolo, al bambino che ha di fronte.

I commenti sono chiusi.