Draftosaurus: il vostro parco nel Giurassico

Draftosaurus è un gioco di Ghenos Games. E’ un gioco davvero rapido, ma non banale.




Volpe Giocosa è venuta in possesso di una copia quasi per sbaglio. Era in offerta e il costo era davvero esiguo.
Poi l’autore è Bauza, uno dei nostri autori preferiti.
Takenoko, Hanabi, 7 Wonders, anche nella versione Duel e più recentemente Super Cats!
Saremmo felici ci seguiste in questo tour nel parco del Giurassico, oppure ci possiamo vedere al chiosco delle bibite alle conclusioni.

DraftosaurusDraftosaurus
Ghenos Games

Da 2 a 5 Giocatori. Età 8+

Durata: 15 minuti
Costo: 17 eur


I meeple “dedicati” sono sempre una gioia per gli occhi

Draftosaurus si presenta in una scatola quadrata da 20 cm di lato.
Al suo interno trovate una plancia per ciascun giocatore, fronte-retro. Le dimensioni sono giuste giuste per entrare nella confezione, così da non essere sprecato spazio.
Un grande ziplock, il sacchetto con chiusura a pressione, contiene altri ziplock più piccoli.
In ognuno di questi si trovano 10 meeple dinosauro di colore e forma differente in 6 varianti, per un totale di 60 meeple.
E’ chiaro che il gioco funzionerebbe anche usando cubetti, ma vedere tanti piccoli dinosauri di specie diverse, dà sicuramente quel tocco scenico in più.
Forse, possiamo dire, è il suo effetto wow.
C’è poi un dado speciale, a 6 facce, in legno.
Il gioco richiede il sorteggio dei dinosauri. Non poteva quindi mancare un sacchetto di tela, ormai un must da qualche tempo a questa parte.

Tutto a misura

Tutto a misura

La meccanica del draft, una firma di Bauza

Bauza “fece scalpore” con 7 Wonders per l’efficacia dell’uso del sistema di draft.
Lo abbiamo già descritto ma rispenderemo due parole.
In pratica significa che ogni giocatore nel suo turno sceglie una carta, una pedina o quello che è, che vuole giocare dalla sua mano.
Avrà insomma diverse possibilità, ma ne dovrà scegliere solo una.
Alla fine del turno, gli oggetti residui che ha in mano li passa alla sua sinistra e ne riceve altrettanti dalla sua destra.
Questo sistema permette di abbattere il fattore casualità.
Infatti, un set più vantaggioso di altri non rimane in mano di un singolo giocatore, avvantaggiandolo, ma è messo in qualche modo a disposizione di tutti.
Questo sistema è molto utile, ad esempio, in Agricolo per assegnare le carte iniziali.
D’altra parte quest’aspetto, insieme ad altri peculiari del gioco stesso, rendevano 7 Wonders praticamente ingiocabile in due persone.

I dinosauri. Quello rosso è il T-Rex. E' uno dinosauro speciale, non solo perché mimetico sul tappetino di Volpe Giocosa

I dinosauri. Quello rosso è il T-Rex. E’ uno dinosauro speciale, non solo perché mimetico sul tappetino di Volpe Giocosa

Rapidità di esecuzione

Frase presa da Amici Miei. Il sistema di draft e il gioco dell’azione simultaneamente intorno al tavolo, senza un ordine di turno, rende una partita rapida a prescindere dal numero di giocatori.
In Draftosaurus ogni giocatore deve organizzare il proprio zoo di dinosauri.
La plancia, infatti, ha disegnati dei recinti dove mettere i meeple dei dinosauri.
Tuttavia, ogni recinto richiede che i dinosauri che vi abitano devono avere caratteristiche differenti.
Ad esempio, un recinto richiede che i dinosauri siano della stessa specie (colore(, mentre un altro tutti diversi.
Il lancio del dado, poi, impone a tutti gli altri giocatori, eccetto chi l’ha lanciato, di rispettare altre regole.
Ad esempio può accadere che i dinosauri possano essere disposti solo sul lato sinistro o destro della plancia per quel turno.
I dinosauri si pescano due volte dal sacchetto, infatti la partita dura due round, e “girano” col sistema del draft.

Lo zoo estivo richiede meno impegno. Questo recinto richiede dinosauri tutti diversi

Lo zoo estivo richiede meno impegno. Questo recinto richiede dinosauri tutti diversi

Buona scalabilità

Bauza e soci non commettono l’errore di 7 Wonders.
Il gioco, con una piccola accortezza, funziona anche in due giocatori.
Il trucco è stato quelli di allungare il numero dei round e di scartare ad ogni turno un dinosauro dal set.
In questo modo il gioco gira bene tanto quanto una partita a più giocatori.

La plancia sul lato invernale

La plancia sul lato invernale

Complessità crescente

Le plance di Draftosaurus sono fronte-retro.
Da una parte troviamo lo zoo in modalità estiva e dell’altra durante la stagione invernale.
In quella della stagione calda i requisiti per disporre i dinosauri sono più semplici, come quelli mostrati nell’esempio.
Nel lato invernale sono più impegnativi, con recinti che richiedono di disporre dinosauri in una piramide o intervallati per specie.
Il gioco consiglia di fare due manche, una col lato estivo e una col lato invernale, dopodiché fare le somme.

Bella stagione allo zoo

Bella stagione allo zoo

Materiale scaricabile

In Draftosaurus l’interazione è bassa. Quasi più sentita in due giocatori, dove le “regole speciali”, che richiedono di danneggiare un avversario, intralciano di più lo zoo avversario.
Giochi di questo tipo funzionano bene anche in solitario, generalmente. Un esempio è Sagrada.
Tuttavia gli autori non prevedono ufficialmente questa modalità, che invece si trova sul forum di BGG.
Lo stesso vale per il blocchetto segnapunti, dove nel regolamento c’è scritto di procurarsi un foglietto.
Tranquilli, arriva Volpe Giocosa!.

wp-1602934035191.jpg

In conclusione

Draftosaurus è un gioco uscito sotto marchio Ghenos Games.
Gli autori sono un team, dove la prima firma spetta a Bauza, un star designer.
Nell’introduzione abbiamo citato alcuni suoi titoli.
In Draftosaurus la meccanica del draft è talmente centrale da dare il nome al gioco.
Sicuramente il comparto grafico e del materiale, con i 60 meeple dinosauro, fa il suo effetto.
Probabilmente il gioco funzionerebbe anche con i classici cubetti, ma questo elemento sicuramente consente a Draftosaurus di avere una migliore posizione a scaffale.
Il gioco è davvero rapido, grazie alla meccanica dell’azione simultanea e la costruzione dello zoo non è mai banale, soprattutto nel lato invernale.

Il sacchetto di tela. Prima come facevamo senza?

Il sacchetto di tela. Prima come facevamo senza?

Avete visto Jurassic Park?

Ormai quasi trent’anni fa usciva nelle sale il celebre film di Spielberg.
Fu qualcosa di eccezionale per l’epoca, con effetti speciali che sul grande schermo impressionavano un pubblico che nemmeno sapeva cosa fosse lo streaming (ed anche Internet in realtà).
Un film che parlava di preistoria nella preistoria dell’epoca dell’informazione.
Ora, un gioco da 15 minuti difficilmente riesce a trasmettere un’ambientazione.
Draftosaurus probabilmente è un astratto, ma maneggiare i gruppetti di dinosauri vi farà sentire come John Hammond.
Il gioco gira veloce ed è semplice nel regolamento. Consigliato per #volpinegiocose e per rapide partite in relax fra adulti (filler) o in famiglia (family).
Secondo noi Bauza c’entra di nuovo l’obiettivo e come noi la pensa chi l’ha candidato a Gioco dell’Anno.

getyourfan

BoardGame Discount diventa Get Your Fun

Sebbene nel podcast ci si riferisca a BoardGame Discount, questo negozio adesso è diventato Get Your Fun.
La caratteristica di avere diverse modalità di sconto è rimasta, ma adesso il sito vuole offrire un’esperienza più evoluta.
L’obiettivo è quello di creare una community di amanti del gioco tavolo, con diverse iniziative.
Non solo, gli argomenti, ma anche il catalogo, si estenderanno per coprire tutti gli interessi della comunità geek e nerd. Ritorneremo su questi aspetti.
Che poi c’è un po’ di nerd in ognuno di noi…
Detto questo, anche Draftosaurus lo trovate nel catalogo di Get Your Fun a prezzo scontato.

I commenti sono chiusi.