Astrogiocando: l’esplorazione spaziale per tutti

Astrogiocando è un gioco di Headu che porta le famiglie alla conquista dello Spazio.




Sapete bene che in Volpe Giocosa siamo appassionati e con qualche esperienza sull’ambiente spaziale.
Questo ci porta ad essere curiosi verso giochi ambientati in questo mondo, ma altrettanto critici.
Per adulti abbiamo già visto alcuni titoli, come Apollo XIII e 1969. Altri a tema più fantascientifico, come Kolon o Terra-017.
Oggi vi parliamo di Astrogiocando, che vuole mettere a disposizione la stessa esperienza per #volpinegiocose.
Vedremo come in realtà può ambire a un pubblico più ampio.

IT23547-JPG-1
Astrogiocando
Headu

Da 2 4 giocatori. Età 6+

Durata: 40 minuti
Prezzo: circa 15 eur


Una confezione elegante con buon materiale

Lo spinner: ci sposta delle caselle segnate, ci si teletrasporta su una casella arancio o si casca su un asteroide

Lo spinner: ci sposta delle caselle segnate, ci si teletrasporta su una casella arancio o si casca su un asteroide

La confezione

Questi giochi della linea Headu si presentano sotto forma di valigetta.
La scatola di cartone infatti si chiude con degli incastri e una cordicella permette di trasportarla.
Considerando il target a cui punta, la possibilità di portare con sé il gioco agilmente è una buona trovata.
La confezione non ha buste di plastica all’interno, probabilmente una scelta eco friendly ed anche di sicurezza verso i più piccoli. Il materiale risulta quindi un po’ disperso, ma potete poi organizzarlo da soli con facilità.

Una pratica scatola trasportabile

Una pratica scatola trasportabile

Il contenuto

All’interno trovate 8 tessere che formano il tabellone. Di cartone lucido e resistente, sul retro hanno informazioni interessanti sui corpi celesti.
Un mare di gettoni verranno assegnati durante la partita e delle pedine correranno sull’anello a bordo del tabellone.
Non ci sono dadi, ma il movimento delle pedine è regolato da uno spinner.
E’ un cartoncino su cui è fissata una freccia, libera di ruotare su un perno così da indicare diversi settori una volta fatta girare.
Sicuramente balza agli occhi il mazzo di carte con domande e risposte, sempre sul Sistema Solare.
La solidità del materiale, e il regolamento stampato su cartoncino, è un marchio di fabbrica già visto in Semantica di Ludic, che gestisce la linea per famiglie.

L'interno della scatola

L’interno della scatola

Un gioco educativo, ma non saccente

Il percorso di Astrogiocando può ricordare il gioco dell’oca, ma, per fortuna, non è così.
Le caselle non sono tutte uguali. Le principali sono le arancioni, che permettono di acquisire i gettoni dello stesso colore.
Una volta che se ne sono presi almeno tre, si può rispondere ad una domanda così da ottenere un gettone Lander o Orbiter.
Ogni giocatore ne ha bisogno di uno per tipo per completare le due carte obiettivo che gli sono state fornite ad inizio partita.
Lungo il percorso non mancheranno incidenti dovuti alla casella “Houston abbiamo un problema” o tiri sfortunati dello spinner.

Le tessere formano il tabellone

Le tessere formano il tabellone

Domande divertenti e non nozionistiche

In genere i giochi a quiz del passato, anche per adulti, avevano domande che richiedevano una risposta precisa e dettagliata.
Spesso, anche le domande stesse, erano molto puntuali con tematiche spesso adatte a specialisti.
Astrogiocando propone domande a risposta multipla, divise in facili e difficili. Non viene mai richiesto un numero della letteratura scientifica, ma, spesso, si fa riferimento ad una curiosità.
Vedi ad esempio “che odore c’è su Urano?”
Questo fa sì che i bambini imparino qualcosa e incrementino la loro curiosità verso la Scienza, se già presente nella loro indole.
Non si ha insomma quella sensazione di essere interrogati tra i banchi di scuola.
Le carte Quiz sono 47, con diverse domande, difficili da imparare tutte a memoria, se non per i casi più stravaganti.

Ai blocchi di partenza, con alcune caselle speciali intorno

Ai blocchi di partenza, con alcune caselle speciali intorno

Cosa è presente su Internet

Alla pagina dell’editore, trovate il regolamento di Astrogiocando, anche un errata corrige che comunque non ha nessun impatto sul gioco.
Detto ciò, consigliamo di guardare l’intera scheda del gioco, perché da informazioni importanti.
Viene assegnato, in maniera percentuale, un coinvolgimento di varie intelligenze da parte del giocatore. Vedrete come Astrogicando è un gioco per lo più incentrato su competenze spaziali, naturalistiche e personali.
Anche la matematica è importante, o la scienza in generale.
Dipende poi dall’adulto fare leva su una competenza che vedono interessare i più piccoli.

Alcune domande, divise in colori per diverse facoltà

Alcune domande, divise in colori per diverse facoltà

In conclusione

Astrogiocando è un gioco di Headu, dedicato per lo più a un pubblico di bambini.
Questa linea di giochi ha infatti lo scopo di intrattenere questa fascia d’età. Per lo più quindi, il gioco è esclusivo per #volpinegiocose, ma in questo caso è estendibile ad un pubblico più ampio.
Le domande, che possono interessare anche un pubblico adulto, rendono il gioco anche fruibile da un pubblico family, se capace di prendere il gioco dal giusto verso.
E’ incline al tatticismo, dal momento che i gettoni non sono largamente disponibili ed è possibile prenderli per non farli cadere nelle mani avversarie.
Abbiamo fatto dei blind test e le nostre #volpinegiocose hanno intravisto questa possibilità.

Segnalini tutti ordinati. Il razzo riprodotto assomiglia a Soyuz

Segnalini tutti ordinati. Il razzo riprodotto assomiglia a Soyuz

A chi lo consigliamo

Sicuramente è un gioco adatto a tutti quei bambini che amano i giochi a quiz, meglio ancora se incuriositi dalla scienza e dallo Spazio. Vedrete che vi faranno diverse domande.
Un adulto che gioca con loro, troverà una partita scorrevole e divertente, così da giocare insieme al bambino e non farlo giocare, semplicemente.
Il costo è davvero contenuto per quello che offre e confezione e materiali di buona qualità: può essere anche un bel regalino per qualche occasione o solo per fare una sorpresa.

I commenti sono chiusi.