Apollo XIII: il fallimento non è contemplato

Houston, abbiamo un problema“. Quante volte abbiamo sentito dire questa frase? Con Apollo XIII rivivremo gli avvenimenti che hanno portato a questa esclamazione. Da lo stesso autore di 1969, l’epopea dei viaggi lunari torna di nuovo ad entusiasmarci.

www.uplay.it_Apollo_XIII--400x400

Apollo XIII
Pendragon Game Studio

 

Da 2 a 5 giocatori. Età 13+
Durata di una partita: circa 75 minuti
Prezzo: 30 eur circa

La missione più sfigata della storia

Avete visto il film con Tom Hanks? Se la risposta è sì, allora conoscete già le vicissitudini del viaggio dell’Apollo XIII verso l’altopiano di Fra Mauro, del guasto al serbatoio dell’ossigeno che non ha permesso il conseguimento dell’impresa e di tutte le altre mille sfighe connesse. Già, perché furono tanti gli intoppi che si verificarono in quella missione, ma con un po’ di fortuna e tanta dedizione della NASA e dell’equipaggio, non finì in tragedia. L’allunaggio non fu possibile, ma tuttavia i tre astronauti riuscirono a tornare a casa dopo mille peripezie.

IMG_20170225_210424

Adesso pensateci voi

Il gioco è un card driven. Significa che il susseguirsi degli eventi e delle scelte che il gruppo dovrà prendere, dipenderà dalle carte. Queste sono divise in due gruppi: eventi e azioni. Gli eventi, divisi in mazzetti, raccontano la storia da prima del decollo del Saturno V fino al ritorno a casa, attraverso gli incidenti di cui sopra. Le carte che i giocatori possono mettere in campo cercheranno di tamponare gli avvenimenti avversi che si susseguono.
Una plancia riporta lo stato della missione, con lo stato psico-fisico degli astronauti, della NASA e del veicolo. Ad ogni infausta circostanza lo status di queste figure peggiorerà, peggiorando di conseguenza lo stato della missione. Se questo livello si deteriora eccessivamente, allora per i tre ragazzi dell’Apollo XIII non c’è alcuna speranza. Il gioco a questo punto termina.

IMG_20170225_213044

Un giudizio sintetico

Il gioco è davvero emozionante. Si inizia piano piano in sordina, per arrivare alle fasi più concitante quando il Saturno e il CSM non rispondono come dovrebbero. Adesso si vede il lavoro di squadra, sebbene non come in Flash Point, per cercare di rimediare la situazione. Il massimo della tensione di raggiunge quando entra in gioco la clessidra, che limita la durata del turno, laddove il mission status raggiunga una certa criticità.
Le carte, oltre agli effetti indispensabili alla meccanica del gioco, riportano qualche riga che racconta un pezzo della storia. Divertente ed anche istruttivo. Tuttavia non potrete giocarci a raffica, altrimenti potrebbe risultare monotono.
Non è chiaro se considerarlo anche un party game, visto può coinvolgere un bel gruppo di persone. Se siete appassionati di spazio, sicuramente dovete averlo.

I commenti sono chiusi.